Wikiprocessi nei tribunali canadesi

Per espellere alcuni immigrati irregolari, gli agenti federali canadesi motivano i provvedimenti utilizzando le voci di Wikipedia. La scelta non è stata gradita dai giudici competenti, che hanno dovuto annullare le disposizioni delle forze di polizia.

Una famiglia di immigrati residente nella città di Ottawa aveva inoltrato una richiesta di asilo e  ha ricevuto una notifica di espulsione basata sulla voce dell’enciclopedia condivisa sul diritto d’asilo in Canada. I giudici hanno respinto la documentazione:

Wikipedia è un’enciclopedia messa a disposizione su Internet e può essere modificata da chiunque abbia un accesso alla rete.

In un caso analogo, un altro giudice ha motivato la scelta di non accogliere il provvedimento prodotto dalle autorità:

Si tratta di una fonte aperta senza controllo editoriale.

Stando a quanto racconta The Globe and Mail, il fenomeno delle disposizioni basate sulle voci di Wikipedia e di altre enciclopedie è in sensibile aumento. Le agenzie federali canadesi disincentivano l’utilizzo di Wikipedia, ma non lo vietano espressamente, dunque le citazioni ricavate online finiscono spesso nelle aule dei tribunali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.