Mi piaci mi piaci mi piaci mi piaci mipia’

Il "Mi piace" di Facebook presto lo vedrete dappertutto

Darà molte informazioni in più su di noi ai partner commerciali

Il New York Times scrive che mercoledì Mark Zuckerberg annuncerà un nuovo passo avanti di Facebook verso la conquista di internet: il pulsante “Mi piace” (o “Like”, per chi ha Facebook in inglese) in giro per la rete.

La novità è più invadente di quanto possa sembrare, sia perché è solo l’inizio di una nuova fase in cui Facebook punterà a battere anche fuori casa tutti gli altri social network concorrenti, sia perché questo darà al sito di Zuckerberg — e soprattutto ai suoi partner commerciali — la possibilità di mappare le preferenze degli utenti. Per essere chiari: voi cliccate “Mi piace” sulla pagina web delle Macine del Mulino Bianco, e due ore dopo trovate sulla vostra pagina di Facebook la pubblicità dei nuovi biscotti Mulino Bianco. Insomma, più informazioni (su di noi) per tutti.

È più o meno lo stesso meccanismo pubblicitario dei Google Ads di Google, ma con la forza dei suoi 400 milioni di utenti Facebook potrebbe portarlo all’ennesima potenza, aumentando ancor di più la competizione tra i grandi di internet.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.