Cartoline: piste ciclabili

Pistaaa! Il cartello ci ricorda che la pista ciclabile è finita, ma come vedete è quasi superfluo. Succede in Prati, il quartiere occupato manu militari dagli uffici, in cui dalla notte al giorno le auto raddoppiano e i motorini quintuplicano. Ma questo non è un problema, è un postulato immodificabile dell’Universo.

Il punto però qual è (anche): che le piste ciclabili sono tristi tronconi ricavati qua e là e separati l’uno dall’altro (infatti poco più avanti questa pista ciclabile continua, e dall’altro lato è la stessa del famoso cartellone in mezzo), senza nessuna idea organizzata di creare davvero un percorso.

Un continuo di gradini, pezzi in cui bisogna scendere, attraversamenti da improvvisare di volta in volta. Ti passa la voglia, sembrano fatte solo come contentino per il rifacimento dei marciapiedi.