Bomba o non bomba

Resterà molto probabilmente un mistero l’origine del tentativo di ordigno trovato ieri su un vagone della metro B. Quello che si sa, dopo la preoccupazione, è che non poteva esplodere perché l’innesco era inattivo. In pratica, una bomba finta. Non ci sono state neanche rivendicazioni di nessun tipo.

Oltre alle reazioni politiche, qualcuno ha parlato di buchi nella sicurezza, o di mancanza di controlli. Ma cosa si dovrebbe fare, mettere un metal detector nelle stazioni? In nessuna città, probabilmente neanche a Tel Aviv, c’è una cosa del genere.

La cosa che si può fare, però, è lavorare sulla sicurezza successiva. In nove stazioni su dieci le aree di sosta per i vigli del fuoco e le vie di fuga sono ostruite, quando va bene solo da bancarelle (v. foto), altrimenti anche da motorini, auto e cartelloni abusivi fino a ridosso delle scale.

Foto: da corriere.it