L’importante è partecipare

I detrattori delle Olimpiadi 2020 possono forse tirare un sospiro di sollievo guardando questo logo. Ma non è quello della candidatura, bensì quello dell’Unione degli Industriali, che ha avuto il suo momento lanciando una fondazione a sostegno della partecipazione.

Ieri quindi è stata l’occasione di fare due conti sull’impatto economico del possibile evento: 12,7 miliardi di investimenti e un possibile ritorno di 24 miliardi, più 109.000 nuovi posti di lavoro. Tra le opere: risanamento del Tevere, raddoppio della Flaminia e Fiumicino 2.

La micro-opinione del Post Roma è che un evento come le Olimpiadi, se sono un premio, non ce lo meritiamo granché. Se sono un incentivo alla riqualificazione allora, certo, viene un po’ di acquolina in bocca pensando all’accelerazione che possono dare a determinati processi (vi immaginate un camion-bar di fronte al Villaggio Olimpico?). Però, credo siano un premio.