Minaccia liquida

Ieri è stata scoperta nella centrale atomica una fuga di acqua il cui livello di radioattività è altissimo, non si sa bene da dove esca e non si può capire nell’immediato perché le indagini sono troppo pericolose a causa delle radiazioni. Nel frattempo il livello di radioattività nell’aria è tornato ai livelli di normalità, nelle zone attorno a Tokyo, il che potrebbe sembrare contraddittorio. Mi pare di capire che finché le sostanza radioattive vanno nel mare, dovremmo stare tranquilli, ma le conseguenze? Chi ce la farà a mangiare il pesce del Pacifico d’ora in avanti? Vorrei che in futuro si facesse chiarezza su tutta questa storia, e che i responsabili della sicurezza della centrale paghino, se ci sono state delle responsabilità.

Adesso alla televisione stanno trasmettendo un servizio che parla di un’isoletta che avrei voluto visitare quest’estate, ma non ho avuto tempo. Sembra che sia stata completamente distrutta dal maremoto, e forse non ci andrò mai.

Anche stasera nel mio quartiere sono passati i banditori che invitavano a risparmiare sul consumo elettrico. La settimana prossima dovrebbero fiorire i ciliegi, chissà se riusciranno a distrarci da questo incubo.