Xi Jinping che si lamenta con Justin Trudeau delle notizie trapelate sul loro colloquio al G20

Mercoledì, durante le fasi finali del G20, il presidente cinese Xi Jinping si è lamentato con il primo ministro canadese Justin Trudeau delle notizie trapelate a proposito del loro colloquio di martedì durante il vertice, che si è tenuto a Bali, in Indonesia. Un video ripreso dalla telecamera di una tv canadese che seguiva Trudeau durante l’evento mostra Xi visibilmente infastidito rivolgersi al primo ministro canadese e dirgli, con l’aiuto del suo interprete, «Tutto quello di cui abbiamo parlato è arrivato ai giornali, non è appropriato. E non è così che è stata gestita la conversazione».

Durante il commento successivo Trudeau interrompe l’interprete cinese per dire a Xi che il Canada «crede in un dialogo libero, aperto e onesto» e continuerà a lavorare con la Cina «in maniera costruttiva», ma ci saranno cose su cui non saranno d’accordo. L’interprete allora risponde che «prima sarà necessario creare le giuste condizioni». Xi e Trudeau poi si stringono la mano e si allontanano in direzioni opposte.

Non si sa esattamente che cosa si siano detti Xi e Trudeau durante il loro incontro di martedì, durato circa 10 minuti: secondo i media canadesi però avrebbero parlato tra le altre cose di cambiamento climatico, dei recenti test missilistici della Corea del Nord, di diritti umani e delle infiltrazioni della Cina negli affari canadesi. La ministra degli Esteri canadese Mélanie Joly, che a sua volta ha incontrato il ministro degli Esteri della Cina, ha detto che entrambi i colloqui sono stati «rispettosi».

– Leggi anche: Cosa c’è e cosa non c’è nella dichiarazione finale del G20 a Bali