A Vito Crimi è sfuggita di mente una delle “5 Stelle”

A Vito Crimi è sfuggita di mente una delle "5 Stelle"

Nell’analisi dei risultati delle elezioni regionali in Calabria ed Emilia-Romagna, in cui il Movimento 5 Stelle ha ottenuto risultati profondamente insoddisfacenti, il senatore Vito Crimi, che dal 22 gennaio è reggente ad interim del Movimento, si è dimenticato il significato di una delle “5 Stelle”. Aveva iniziato a elencarle lui, dicendo che «non erano sinistra-destra, sopra-sotto», bensì «acqua pubblica, ambiente, connettività, trasporti». Poi però si è bloccato qualche secondo perché non gli veniva in mente la quinta e ultima. Solo dopo averci pensato qualche istante e aver poi chiesto aiuto ai suoi assistenti ha detto «innovazione». Anche se in realtà la parola esatta era “sviluppo“.

Il cortometraggio animato sul basket con cui Kobe Bryant vinse l’Oscar nel 2018

Il cortometraggio animato sul basket con cui Kobe Bryant vinse l'Oscar nel 2018

Nel 2015 Kobe Bryant, il grandissimo giocatore di basket morto domenica in un incidente di elicottero, annunciò il suo ritiro dallo sport agonistico con un articolo sul Player’s Tribune, il sito americano con i pezzi scritti dagli sportivi professionisti. L’articolo si chiamava “Dear Basketball”, e negli anni successivi ne fu tratto un cortometraggio animato con lo stesso nome, diretto da Glen Keane, che nel 2018 vinse l’Oscar come miglior cortometraggio animato. Il testo, scritto da Bryant, raccontava tutto quello che il giocatore aveva dato al basket, quello che significava per lui aver realizzato il sogno di giocare nei Los Angeles Lakers, e di come avesse accettato il fatto di dover smettere.

Il video del cronometro dei 24 secondi lasciato scadere in ricordo di Kobe Bryant, durante Spurs-Raptors

Il video del cronometro dei 24 secondi lasciato scadere in ricordo di Kobe Bryant, durante Spurs-Raptors

La notizia della morte dell’ex giocatore di NBA Kobe Bryant, avvenuta domenica in un incidente di elicottero, è stata accolta con grande stupore e commozione tra gli appassionati di sport di tutto il mondo, e in particolare tra quelli di basket. La prima partita di NBA che si è giocata dopo la diffusione della notizia, avvenuta intorno alle 20.30 (ore italiane) è stata quella tra San Antonio Spurs e Toronto Raptors. I giocatori, dopo un minuto di silenzio prima del fischio di inizio, appena iniziata la partita hanno lasciato volontariamente scadere il cronometro dei 24 secondi, quello che indica la durata massima di ogni azione. 24 era stato infatti il numero di maglia di Bryant a partire dal 2006, dopo aver indossato per anni il numero 8.

Più tardi sono cominciate altre partite: durante quella tra Memphis Grizzlies e Phoenix Suns, i primi hanno lasciato scadere il cronometro dei 24 secondi, mentre in risposta i secondi hanno tenuto la palla per 8 secondi nella propria metà campo (un’altra violazione delle regole nel basket), ricordando l’altro numero di Bryant.

Nuovo Flash