Le pubblicità sui funerali vietate sulla metro di Londra

Le pubblicità sui funerali vietate sulla metro di Londra

Beyond è un’azienda britannica che confronta i prezzi dei funerali per consentire ai clienti di scegliere la soluzione più vantaggiosa. Le sue ultime quattro pubblicità hanno provocato le proteste di molte persone e sono state vietate sulla metro di Londra da Transport for London (TfL), che regola i trasporti nella capitale, perché «potrebbero offendere in modo grave molti cittadini». Pubblicizzano servizi testamentari e cremazioni in modo considerato troppo dissacrante e diretto. La pubblicità sulle cremazioni mostra per esempio una giovane coppia in spiaggia con una bara sottobraccio anziché una tavola da surf, a cui viene promesso un «viaggio sola andata» a «temperature bollenti» a sole 1.195 sterline.

Ian Strang, uno dei fondatore di Beyond, ha spiegato che l’intento è parlare della morte senza troppe reticenze: la riluttanza a farlo oltre a non essere «sana – ha detto – è il motivo per cui i costi dei funerali continuano a salire e si paga davvero troppo per fare testamento o sistemare un’eredità».

Un giudice dell’Ohio ha fatto mettere del nastro adesivo sulla bocca di un imputato, durante un processo

Un giudice dell'Ohio ha fatto mettere del nastro adesivo sulla bocca di un imputato, durante un processo

Un giudice dell’Ohio, negli Stati Uniti, ha imposto che durante un processo venisse messo del nastro adesivo sulla bocca dell’imputato, per impedirgli di parlare. In un video di un paio di minuti si vede Franklyn Williams – con precedenti condanne per rapina – che prova in varie occasioni a parlare al posto del suo avvocato. Il giudice, John Russo, gli dice di stare zitto  e gli ripete più volte le parole “zip it” (“chiudi la bocca”). A un certo punto Russo decide quindi di chiedere ad alcuni poliziotti presenti in aula di mettere del nastro adesivo sulla bocca di Williams. Non si vede nel video, ma The Hill ha scritto che siccome Williams riusciva comunque a parlare, Russo gli ha fatto mettere sulla bocca dell’altro nastro adesivo.

Al termine del processo Williams è stato condannato a 24 anni di carcere per rapina aggravata, sequestro, furto e possesso illegale di armi.

In Svezia hanno trasformato una stazione allagata in una piscina

In Svezia hanno trasformato una stazione allagata in una piscina

Domenica a Uppsala, una delle principali città svedesi, la stazione centrale dei treni si è allagata a causa delle forti piogge del weekend. Molta gente ha avuto dei disagi, mentre altri si sono attrezzati per scattarsi alcune foto in tenuta da piscina, che poi sono puntualmente circolate molto online. Domenica sera l’acqua è stata infine drenata via dalla stazione, che è tornata asciutta.

God mode #uppsala #regn #wtf

A post shared by Sebastian Borg (@lil_burk_) on

Nuovo Flash