La parodia di “Captain America: Civil War” con Trump e Sanders

La parodia di "Captain America: Civil War" con Trump e Sanders

Il 4 maggio uscirà in Italia Captain America: Civil War, un film in cui Capitan America combatte contro il suo vecchio alleato Iron Man. Durante il programma tv Jimmy Kimmel Live, il comico e conduttore Jimmy Kimmel ha spiegato che tra le primarie statunitensi per le presidenziali del prossimo novembre e il film ci sono diverse somiglianze e che quindi Marvel aveva deciso di integrare alcuni personaggi delle primarie nel film, di cui ha mostrato un trailer-parodia in cui Capitan America è il candidato Democratico Bernie Sanders e Iron Man è il candidato Repubblicano Donald Trump. Negli ultimi secondi del trailer arrivano anche Hillary Clinton e Ben Carson (che fa Spiderman).

La sorprendente armonia di Star Wars e The Dark Side of the Moon

La sorprendente armonia di Star Wars e The Dark Side of the Moon

The Dark Side of the Moon dei Pink Floyd è uno dei dischi più noti e apprezzati della storia. Uscì nel marzo 1973 e subito qualcuno si accorse che facendo partire il disco nello stesso momento in cui iniziava la parte visuale del film del 1939 Il mago di Oz (a cui andava ovviamente tolto l’audio), film e disco sembravano andare molto bene insieme. Nelle ultime settimane qualcuno si è accorto su Reddit che la cosa sembra funzionare anche con Star Wars: Il risveglio della Forza. Il disco dura un terzo del film e quindi si deve farlo ripartire due volte ma nonostante questo la cosa sembra piacere molto. Da qualche giorno c’è anche un video in cui i primi minuti del film sono accompagnati dai primi minuti del disco: è stato visto quasi 300mila volte.

La grande fuga di un polpo da un acquario

La grande fuga di un polpo da un acquario

L’Acquario Nazionale della Nuova Zelanda, che si trova a Napier, nell’Isola del Nord, ha fatto sapere che un polpo di nome Inky è riuscito a scappare dalla sua vasca, e che si pensa sia finito nel mare. La teoria dello staff dell’acquario è che sia uscito dalla sua vasca mentre il coperchio era stato accidentalmente lasciato socchiuso, che sia sceso lungo il bordo della vasca e che abbia attraversato un corridoio dell’acquario strisciando sul pavimento – un percorso di tre o quattro metri circa. Poi, secondo lo staff dell’acquario, si sarebbe infilato in un condotto di scolo per terra, lungo 50 metri e che scarica direttamente in mare. Rob Yarrell, il direttore dell’acquario, ha detto: «I polpi sono famosi artisti della fuga, ma Inky ha davvero fatto i suoi calcoli. Non penso fosse triste con noi, né che si sentisse solo, perché i polpi sono animali solitari. Ma è un tipo così curioso. Voleva sapere che cosa succede fuori. È fatto così.» Lo staff è piuttosto sicuro che il polpo non sia stato rubato. Il polpo era stato portato all’acquario qualche anno fa da un pescatore che lo aveva pescato insieme a dei crostacei.

inky-1National Aquarium, New Zealand

Nuovo Flash