(AP Photo/ John Raoux, File)
  • Mondo
  • venerdì 22 Aprile 2022

Il governo della Florida contro Disney World

Il regime fiscale di cui godeva da anni è stato revocato dal Congresso per le critiche di Disney a una legge contro i temi LGBTQIA+ nelle scuole

(AP Photo/ John Raoux, File)
Caricamento player

Il Congresso della Florida ha approvato un provvedimento per revocare il regime fiscale speciale di cui gode il complesso di parchi di divertimento Disney World, che si trova a sud-ovest di Orlando: la decisione è stata largamente vista come una ritorsione per le critiche mosse dall’azienda alla nuova legge statale, che impedisce di affrontare nelle scuole temi legati alla comunità LGBTQIA+. La legge è stata approvata prima dal Senato della Florida mercoledì e poi dalla Camera giovedì, e venerdì è stata infine firmata dal governatore Ron DeSantis: entrerà in vigore il primo giugno del 2023.

La Walt Disney Company è l’azienda privata più influente dello stato e Disney World attira ogni anno decine di milioni di turisti. Negli ultimi mesi la società si era già scontrata con il governo locale, a maggioranza Repubblicana, quando aveva cercato di imporre l’obbligo di vaccinarsi contro il coronavirus per i propri dipendenti, un’iniziativa bloccata dal governatore Ron DeSantis. Adesso perderà, per motivazioni politiche e ideologiche, i privilegi che per 55 anni le avevano consentito di gestire in autonomia l’enorme area occupata dal complesso a sud-ovest di Orlando.

Pubblicità

Lo scontro tra Disney e il governo della Florida era cominciato a inizio marzo, durante le discussioni per la proposta di legge chiamata informalmente “Don’t say gay” (“non dire gay”), che tra le altre cose proibisce di parlare di orientamento sessuale e di identità di genere nelle scuole primarie fino alla terza elementare e limita le discussioni sui temi legati alla comunità LGBTQIA+ dalla terza elementare in su. Inizialmente Disney non si era esposta contro la legge ma, dopo aver ricevuto numerose critiche e pressioni dai suoi circa 75mila dipendenti in Florida, si era scusata e aveva sospeso le donazioni che devolve ogni anno ai politici dello stato, di entrambi gli schieramenti politici.

A fine marzo, dopo la firma della legge da parte di DeSantis, Disney aveva diffuso un comunicato in cui diceva che il provvedimento «non avrebbe mai dovuto essere votato» e sosteneva il proprio impegno per «difendere i diritti e la tutela delle persone LGBTQ+ della famiglia Disney», delle comunità in Florida e in tutto il paese. Dal canto loro, i Repubblicani e DeSantis avevano accusato Disney di «essersi approfittata troppo a lungo» dei privilegi concessi dal governo della Florida, di voler «governare lo stato», oltre che di voler portare avanti un programma di ideologia «woke», una parola che definisce l’atteggiamento di chi è particolarmente attento e impegnato contro le ingiustizie sociali, di genere e di etnia. Per questo, il governo locale aveva minacciato di revocare lo status fiscale speciale di Disney World.

– Leggi anche: Disneyland Paris ha trent’anni

I privilegi a cui si fa riferimento sono quelli relativi al Reedy Creek Improvement District, uno tra i moltissimi distretti speciali che esistono in Florida e che possono gestire in maniera autonoma i propri spazi. Il distretto di Reedy Creek fu istituito nel maggio del 1967 per convincere la Walt Disney Company a costruire un parco di divertimento: per oltre cinquant’anni ha garantito a Disney il controllo del territorio, oltre a sconti fiscali e finanziamenti agevolati per lo sviluppo di servizi e infrastrutture che potessero essere usati anche da tutti i residenti e attirare turisti.

Nel 1967, quando fu istituito il distretto, nella zona non c’era molto. Oggi il complesso di Disney World si estende su due contee e include sei parchi di divertimento, oltre a centri sportivi e commerciali e a 18 alberghi con 24mila stanze. In base a un documento reso disponibile da Disney, nel 2021 l’azienda ha pagato più di 780 milioni di dollari (722 milioni di euro) in tasse statali e locali; secondo le stime di alcuni esperti citati dal New York Times, comunque, il regime speciale che verrebbe cancellato con la nuova legge permetteva a Disney di risparmiare milioni di dollari in tasse ogni anno.

Per ora non è molto chiaro cosa comporterà concretamente la cancellazione del regime speciale di Reedy Creek (alcuni esponenti Repubblicani sentiti da CNN hanno detto che studieranno i dettagli nei prossimi mesi). L’abolizione dei privilegi potrebbe tradursi in tasse più alte per i residenti, che dovrebbero farsi carico almeno in parte dei costi di manutenzione delle strade o di servizi come la polizia locale e la raccolta rifiuti dell’area. Disney potrebbe chiedere di ottenere nuovamente un regime speciale, oppure decidere di ridurre gli investimenti destinati all’espansione del parco.

– Leggi anche: Cosa si intende per “woke”