Kyrie Irving all'esordio stagionale con i Brooklyn Nets (Andy Lyons/Getty Images)
  • Sport
  • giovedì 6 Gennaio 2022

Kyrie Irving è tornato a giocare in NBA

I Brooklyn Nets hanno reintegrato il loro playmaker non vaccinato, che d’ora in avanti potrà giocare, ma soltanto in trasferta

Kyrie Irving all'esordio stagionale con i Brooklyn Nets (Andy Lyons/Getty Images)

Nella notte tra mercoledì e giovedì Kyrie Irving ha esordito con i Brooklyn Nets nella stagione regolare di NBA, tre mesi dopo il suo inizio. Irving, tra i più forti playmaker del campionato e vincitore del titolo nel 2016, era stato messo fuori squadra a ottobre perché non intenzionato a vaccinarsi: secondo le norme della città di New York, senza vaccino e senza esenzione per motivi medici o religiosi non avrebbe potuto disputare le 41 partite casalinghe previste al Barclays Center di Brooklyn.

Al suo esordio a Indianapolis contro gli Indiana Pacers, Irving è stato in campo 32 minuti, nei quali ha realizzato 22 punti e 4 assist. Nei 17 minuti in cui è stato in campo con gli altri due grandi giocatori dei Nets, Kevin Durant e James Harden, la squadra ha rimontato 16 punti e ha vinto con un risultato finale di 129-121.

Prima della partita, Irving aveva detto: «Sono grato per essere presente stasera, poter andare a divertirmi là fuori con tutta la squadra facendo ciò che amiamo fare». Ha poi commentato la vittoria dicendo di poter essere ancora utile alla squadra, come si è visto in campo. Nei mesi passati senza di lui i Nets non avevano subìto tuttavia particolari contraccolpi: nonostante le numerose assenze, sono la seconda miglior squadra dell’Est e rimangono tra i grandi favoriti per il titolo.

Lo scorso ottobre i Nets avevano motivato l’esclusione sostenendo che la sua condizione sarebbe stata una distrazione per il resto della squadra, e di non poter nemmeno contare su un giocatore utilizzabile soltanto part-time. Dopo tre mesi di esclusione, però, la dirigenza aveva deciso di reintegrarlo per rimediare alla tante assenze dovute ai contagi. Al suo rientro a dicembre Irving era stato messo subito in isolamento e quindi escluso nuovamente. Ora rimarrà stabilmente in squadra e verrà utilizzato soltanto nelle partite in trasferta.

– Leggi anche: Il caso Djokovic non si è ancora risolto