Kyrie Irving con i Brooklyn Nets (AP Photo/Elise Amendola, File)
  • Sport
  • mercoledì 13 Ottobre 2021

I Brooklyn Nets hanno messo fuori squadra Kyrie Irving

Uno dei giocatori più forti del basket NBA non potrà partecipare a partite e allenamenti fino a che non si vaccinerà contro il coronavirus

Kyrie Irving con i Brooklyn Nets (AP Photo/Elise Amendola, File)

La squadra di basket NBA dei Brooklyn Nets ha deciso di escludere il suo playmaker titolare Kyrie Irving da tutte le attività del gruppo, quindi sia partite che allenamenti, in casa e in trasferta, fin quando il giocatore continuerà a non volersi vaccinare contro il coronavirus. La notizia è notevole: Irving è un playmaker in grado di fare cose strabilianti e a Brooklyn fa parte dei cosiddetti “Big Three” insieme ad altri due grandi campioni, Kevin Durant e James Harden. I Nets sono anche considerati tra i grandi favoriti per la vittoria del titolo.

Pur non avendo mai detto chiaramente di non essere vaccinato, le posizioni di Irving sull’obbligo di vaccinazione erano note da tempo. I giocatori di NBA non sono obbligati a farlo, ma senza non possono entrare nei palazzetti delle città e degli stati americani che lo richiedono: la città di New York è fra queste, e di conseguenza i giocatori di New York Knicks e Brooklyn Nets senza vaccino non possono né allenarsi né disputare le 41 partite casalinghe previste nella stagione regolare, che inizia il 19 ottobre.

Nei giorni scorsi si era ipotizzato che Irving sarebbe potuto rimanere in gruppo, giocando soltanto alcune delle partite in trasferta e allenarsi anche, in trasferta. Lo scorso weekend al giocatore era stata concessa la possibilità di allenarsi con il resto della squadra e aveva partecipato a un allenamento organizzato in pubblico al parco sotto il ponte di Brooklyn.

Il general manager dei Nets, Sean Marks, ha spiegato la decisione in conferenza stampa, dicendo: «Senza dubbio perdere un giocatore come Kyrie fa male, non lo negherò. Ma in fin dei conti, la nostra attenzione, l’attenzione dei nostri allenatori e l’attenzione della nostra organizzazione è rivolta ai giocatori che verranno coinvolti da qui in avanti e che parteciperanno pienamente alla stagione». Irving non ha ancora commentato la sua esclusione.

– Leggi anche: Stanno tornando i Chicago Bulls?