Ci sono centinaia di migranti al confine tra Bielorussia e Polonia

Sono scortati dalle guardie di confine della Bielorussia, che li sta sfruttando per fare pressione sull’Unione Europea

Lunedì mattina centinaia di migranti, molti dei quali provenienti dal Medio Oriente, hanno raggiunto a piedi il confine tra Bielorussia e Polonia. Sono stati scortati dalle guardie di confine bielorusse, che li hanno poi incoraggiati a entrare in Polonia.

Sono mesi che la Bielorussia accoglie e poi spinge verso il territorio polacco migliaia di migranti e richiedenti asilo, in quello che viene considerato un tentativo di mettere in difficoltà la Polonia e l’Unione Europea, avversari politici del regime autoritario di Alexander Lukashenko: non era mai successo, però, che un numero così alto di migranti venisse spinto verso la Polonia in una sola volta.

Le immagini del flusso di persone tra il confine bielorusso e quello polacco sono state diffuse soprattutto attraverso i social network, con video che mostrano moltissime persone, tra cui famiglie con bambini, che camminano per strada portando con sé sacchi, zaini e qualche vestito. Le persone si trovavano nella strada che porta dalla cittadina bielorussa Bruzgi a quella polacca Kuźnica, da un lato all’altro del confine tra Bielorussia e Polonia. Nei video si vede bene che sono state scortate e accompagnate verso il confine polacco dalle guardie di confine bielorusse.

Non si sa di preciso quante fossero: Reuters ha parlato di centinaia di persone, il Guardian di circa circa 500. Non si sa di preciso neanche la loro provenienza, anche se si suppone che arrivino soprattutto dal Medio Oriente, come gli altri migranti che nei mesi scorsi sono arrivati in quella zona. Non è facile avere notizie precise anche perché, come spiegato dal sito di attualità polacca Notes from Poland, è molto difficile per i media indipendenti raggiungere quella zona e raccontare quanto sta accadendo a causa dello stato di emergenza in vigore al confine con la Bielorussia, imposto settimane fa dalla Polonia in risposta al flusso di migranti in arrivo ai suoi confini (lo stato di emergenza rende difficile raggiungere l’area anche a giornalisti e membri delle ong).

Secondo alcune testimonianze riportate dal Guardian, i migranti sarebbero stati attirati dalla Bielorussia, che avrebbe concesso il visto e offerto loro voli per raggiungere Minsk, la capitale del paese, promettendogli poi di portarli nell’Unione Europea. Una volta raggiunto il confine, però, i migranti non sono riusciti a entrare in Polonia perché il governo polacco da giorni presidia le frontiere con la Bielorussia: si stima che oggi a presidiarle ci fossero 12mila soldati. I migranti si trovano ancora al confine tra i due paesi.

Negli ultimi mesi la Bielorussia ha di fatto aperto una nuova rotta migratoria verso Polonia, Lituania e Lettonia, concedendo a migliaia di migranti visti per raggiungere Minsk, per poi accompagnarli al confine con questi paesi, sperando di provocare una crisi come ritorsione per l’appoggio offerto dall’Unione Europea all’opposizione a Lukashenko, e per le sanzioni imposte contro il suo regime.

In risposta all’imponente arrivo di flussi di migranti – nel 2021 in Polonia sono stati registrati 23mila ingressi illegali, quasi la metà dei quali solo nel mese di ottobre – Polonia e Lituania hanno annunciato la costruzione di barriere fisiche, e lunedì la Lituania ha detto che seguirà l’esempio della Polonia nell’imporre anche uno stato di emergenza ai propri confini. Sono misure molto controverse e criticate dagli attivisti per i diritti umani, dato che, secondo le norme europee, chiunque mette piede in uno stato europeo ha diritto a chiedere asilo in quel paese.

Nelle ultime settimane la situazione sta scivolando verso una grave crisi umanitaria: con l’arrivo del freddo i migranti si trovano ad attraversare boschi e strade ghiacciate, senza essere attrezzati né avere cibo o assistenza medica. Secondo Infomigrants fra l’estate e l’inizio di novembre sono stati trovati i corpi di almeno dieci migranti morti al confine fra Bielorussia e Polonia.