• Mondo
  • Questo articolo ha più di un anno

Anche all’ambasciata americana di Berlino ci sono stati casi della misteriosa “sindrome dell’Avana”

Da agosto la polizia di Berlino sta indagando su alcuni presunti casi – avvenuti nell’ambasciata americana in Germania – della cosiddetta “sindrome dell’Avana”, il misterioso malessere che negli ultimi cinque anni ha colpito decine di diplomatici americani e canadesi.

Dal 2016 più di 200 funzionari americani hanno avuto sintomi riconducibili alla sindrome dell’Avana – mal di testa, spossatezza, nausea, problemi alla vista, udito ed equilibrio, e in alcuni casi problemi di memoria – sia nella capitale cubana che all’estero. Da tempo i servizi di intelligence americani sospettano che questo malessere sia collegato all’utilizzo di onde elettromagnetiche ad alta frequenza e che possa essere il risultato di attacchi deliberati da parte della Russia: finora però gli esperti non sono riusciti a trovare prove concrete a sostegno di questa teoria.

Venerdì il presidente Joe Biden ha promesso di scoprire quale sia la causa e chi sia responsabile della sindrome.

L'ambasciata americana a Berlino, in Germania (Sean Gallup/Getty Images)