(Alex Pantling/ Getty Images)
  • Sport
  • sabato 4 Settembre 2021

L’Italia ha vinto primo, secondo e terzo posto nei 100 metri femminili T63 alle Paralimpiadi

È arrivata prima Ambra Sabatini, che ha fatto anche il record del mondo, seguita da Martina Caironi e Monica Contrafatto

(Alex Pantling/ Getty Images)

Sabato durante l’undicesima giornata delle Paralimpiadi di Tokyo l’Italia ha vinto tutte e tre le medaglie del podio nella gara di atletica dei 100 metri femminili, categoria T63, dedicata alle atlete le cui gambe sono state amputate sopra il ginocchio. La diciannovenne Ambra Sabatini, al suo esordio alle Olimpiadi, ha vinto col tempo di 14,11 secondi, stabilendo anche il nuovo record del mondo. Dietro di lei sono arrivate altre due italiane: l’argento è stato vinto da Martina Caironi, che giovedì era arrivata seconda nella gara di salto in lungo della stessa categoria e aveva vinto l’oro nella stessa gara sia a Londra 2012 che a Rio 2016, e il bronzo da Monica Contrafatto, a sua volta terza anche ai Giochi di Rio.

Finora in questa edizione delle Paralimpiadi non era mai successo che un paese ottenesse il primo, il secondo e il terzo posto nella stessa gara di atletica leggera. Grazie alle tre medaglie di Sabatini, Caironi e Contrafatto l’Italia è arrivata a 69 medaglie – 14 ori, 29 argenti e 26 bronzi – e rimane al nono posto nel medagliere, guidato da Cina, Regno Unito e Comitato Olimpico Russo.

Le tre medaglie italiane della finale dei 100 metri, corsa sotto un’intensa pioggia battente, si sommano all’argento ottenuto sempre oggi da Elisabetta Mijno e Stefano Travisani nel tiro con l’arco.

Giovedì la delegazione italiana aveva eguagliato il numero di medaglie vinte alle Paralimpiadi di Seul, arrivando a 58, e superando di 19 le medaglie ottenute ai Giochi di Rio 2016. Venerdì, durante la decima giornata dei Giochi, l’Italia aveva vinto altre 7 medaglie, di cui quattro nel nuoto, due nell’atletica e una nella canoa.

Stefano Raimondi ha vinto l’argento nei 200 metri misti categoria SM10, e poi ci sono stati tre bronzi con Giulia Terzi nei 50 metri farfalla categoria S7, con Monica Boggioni nei 200 metri misti categoria SM5 e con la staffetta maschile 4×100. Sempre venerdì è arrivato un argento nel lancio del peso categoria F12 con Assunta Legnante, che si era classificata seconda anche nel lancio del disco categoria F11; altri due bronzi sono arrivati da Ndiaga Dieng nei 1.500 metri maschili e da Federico Mancarella nella canoa velocità, categoria KL2 200.

– Leggi anche: Bebe Vio ha raccontato di aver rischiato l’amputazione di un braccio, ad aprile