Lo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona (Alessandro Sabattini/Getty Images)
  • Sport
  • Questo articolo ha più di un anno

Il ritorno del pubblico negli stadi italiani

Migliaia di persone hanno assistito dalle tribune alle prime partite di Serie A, come non succedeva da un anno e mezzo

Lo stadio Marcantonio Bentegodi di Verona (Alessandro Sabattini/Getty Images)

Dopo un anno e mezzo di partite disputate senza pubblico o quasi, nella prima giornata del campionato di Serie A c’è stato il ritorno degli spettatori sugli spalti. Nelle prime quattro partite disputate sabato, gli stadi di Milano, Torino, Verona e Empoli hanno riaperto al 50 per cento della loro capienza, così come faranno tra domenica e lunedì tutti gli altri. Venerdì era stata la Serie B, con la partita inaugurale della nuova stagione tra Frosinone e Parma, a riaccogliere i tifosi dopo tanto tempo.

Al Meazza di Milano per Inter-Genoa c’erano 27mila persone su 37mila ammesse; al Bentegodi di Verona per Hellas-Sassuolo 5.448 su 15.000; all’Olimpico di Torino per Torino-Atalanta 3.475 su 14.087 e al Castellani di Empoli per Empoli-Lazio circa 4mila su 8.100 ammessi. Allo stadio dall’Ara per Bologna-Salernitana sono stati venduti 8mila biglietti; all’Olimpico per Fiorentina-Roma c’erano quasi 27mila spettatori; alla Dacia Arena per Udinese-Juventus c’erano 9.660 persone; allo stadio Armando Maradona per Napoli-Venezia erano previsti circa 20mila tifosi. Per accedere è necessario il Green Pass, sugli spalti i posti sono assegnati a scacchiera, cioè uno si e uno no, ed è sempre obbligatorio l’uso della mascherina.