Una scena del film "Music" (2021)

Nuovi podcast e audiolibri da ascoltare a maggio

L'ultimo romanzo di Kazuo Ishiguro, due libri candidati allo Strega e due podcast piaciuti alla redazione

Una scena del film "Music" (2021)

I servizi a pagamento di contenuti audio più diffusi in Italia, cioè Storytel e Audible, funzionano nello stesso modo: ci si iscrive, si fa un periodo di prova gratuita (passando da questo link, quello di Storytel è di 30 giorni anziché 14) e poi, se si decide di continuare, si paga un abbonamento di dieci euro al mese per avere accesso a tutto il catalogo. Ma la ricerca di un modello sostenibile e funzionale, sia per chi fa podcast sia per chi li ascolta, è in una fase ancora piuttosto fluida e negli ultimi giorni sia Apple che Spotify hanno presentato due nuovi servizi per la distribuzione di podcast. In entrambi i casi i creatori potranno decidere quanto far pagare i propri contenuti e gli utenti di pagare solo per quello che vogliono ascoltare.

Per il momento comunque in Italia si possono ascoltare ancora molte cose gratis: per quanto riguarda i podcast c’è ampia scelta su piattaforme come Spotify, Spreaker e Apple Podcast. Per quanto riguarda gli audiolibri, c’è il ricco catalogo di Ad Alta Voce di Radio Tre: in questi giorni stanno andando in onda le puntate di Pippi Calzelunghe di Astrid Lingren. Sul Post invece si può ascoltare gratis Mai piùla serie di articoli di Alessandro Baricco sulla pandemia e i limiti di quella che lui chiama «intelligenza novecentesca». La voce è di Luca Bizzarri.

Le novità di Audible
Su Audible si potrà ascoltare il nuovo libro di Kazuo Ishiguro, Klara e il sole, dal 12 maggio, il giorno dopo l’uscita in libreria. Ishiguro, britannico di origini giapponesi, ha vinto il Nobel per la letteratura nel 2017 e questo è il primo audiolibro in italiano tratto da uno dei suoi romanzi. La storia è quella di Klara, una robot che viene acquistata da una ragazzina di quattordici anni per diventare la sua “amica artificiale”. Alcuni temi ricordano quelli di uno dei più apprezzati romanzi di Ishiguro, Non lasciarmi, da cui fu tratto l’omonimo film del 2010.

– Leggi anche: Un estratto di Compro libri, anche in grande quantità

Tra le novità di Audible ci sono anche due dei dodici libri candidati al Premio Strega di quest’anno. Uno è Il pane perduto della scrittrice ungherese naturalizzata italiana Edith Bruck: è un libro autobiografico in cui l’autrice ripercorre tutta la sua vita, dai campi di concentramento nazisti in cui visse insieme alla sorella, fino alla nascita dei movimenti xenofobi degli ultimi anni. L’altro è Splendi come vita, di Maria Grazia Calandrone, giornalista, poetessa e conduttrice Rai, che fu abbandonata dopo la nascita e adottata dall’allora dirigente del Partito comunista in Sicilia Giacomo Calandrone (che morì pochi anni dopo) e dalla moglie Ione. Il libro è una ricostruzione intima del rapporto tra l’autrice e la madre adottiva, raccontata in forma di lettera. Si potrà ascoltare su Audible dal 4 maggio.

Sempre parlando di lettere scritte dai figli per le madri, dal 13 maggio si potrà ascoltare Brevemente risplendiamo sulla terra dello scrittore e poeta statunitense di origini vietnamite Ocean Vuong. Attraverso il personaggio di Little Dog, che come lui è cresciuto in Connecticut con la madre e la nonna, l’autore trasforma in un romanzo la storia della sua famiglia migrante, tra i traumi della guerra in Vietnam e la fatica di integrarsi nella società americana.

Le novità su Storytel
La scrittrice italiana di origini somale Igiaba Scego e l’attrice italiana di origini beninesi Esther Elisha saranno le due voci di Tell me mama, un nuovo podcast in uscita il 31 maggio in esclusiva su Storytel. Sono otto episodi e ognuno racconta la storia di una donna afrodiscendente contemporanea: tra le altre, ci sarà una puntata sull’autrice nigeriana Chimamanda Ngozie Adichie, nota per i suoi romanzi e i suoi scritti femministi, una sulla scrittrice anglonigeriana Bernardine Evaristo, autrice tra gli altri di Ragazza, donna, altro, e una su Michaela Coel, britannica di origini ghanesi, nota soprattutto per aver scritto, diretto e interpretato la serie tv I may destroy you (inedita in Italia).

Dal 14 maggio in esclusiva su Storytel si potrà ascoltare Leggere Lolita a Teheran, il libro più famoso della scrittrice di origini iraniane Azar Nafisi. Quando uscì nel 2003 ebbe molto successo, rimase a lungo nella classifica dei libri più venduti del New York Times e fu tradotto in oltre 32 lingue. La storia è quella dell’autrice che torna in Iran alla fine degli anni Settanta, durante la rivoluzione: dopo essere stata estromessa dall’insegnamento universitario per via del rigido conservatorismo religioso del paese, Nafisi decide di continuare a tenere lezioni di letteratura in casa propria. Le storie delle sue studentesse si mischiano a quelle dei grandi classici della letteratura, tra cui ovviamente Lolita di Nabokov.

– Leggi anche: Un estratto di La scienza dei capelli

Per chi vuole spostarsi più a est, dal 19 maggio uscirà in esclusiva su Storytel Nella testa del dragone, un saggio sulla Cina scritto dall’esperta Giada Messetti e uscito l’anno scorso. Messetti ha vissuto in Cina diversi anni, fino al 2011, ma in questo libro racconta anche le vicende più recenti che hanno coinvolto il paese: dal rapporto con gli Stati Uniti alle rivolte di Hong Kong, fino all’inizio della pandemia.

Sempre in esclusiva, ci sono anche due romanzi italiani. Uno è Eva dorme di Francesca Melandri, una saga familiare che gira intorno a due donne, Gerda e sua figlia Eva, ma che è anche un romanzo storico sulle vicende a molti sconosciute legate all’annessione del sud Tirolo al territorio italiano. Sarà disponibile in esclusiva dal 13 maggio. E poi Lo scornuso, un romanzo breve di Benedetta Cibrario ambientato a Napoli attraverso diverse epoche, che si potrà ascoltare dal 14 maggio.

Podcast gratuiti
Dalla fine di marzo il blog Profondo rosso del giornalista sportivo Leo Turrini è anche un podcast. È dedicato alla Formula 1 e in particolare alla Ferrari e il redattore del Post che lo consiglia dice che secondo lui «funziona perché Turrini ha sempre avuto uno stile molto colloquiale e un approccio più attento alle storie e ai personaggi, che non agli aspetti tecnici. E anche perché sa un sacco di cose che non c’entrano con la Formula 1».

Una redattrice invece consiglia La mano sinistra di Giuliana Misserville perché «se si è interessate al mondo dei romanzi fantastici dà un sacco di panorami e spunti di lettura». Ma avvisa chi non apprezza i podcast letti (cioè dove si sente che chi parla sta leggendo e non parlando “normalmente”) che in alcuni punti lo è molto, letto. Consiglia in particolare la puntata su Olga Tokarczuk, che spiega molte cose sulla politica polacca e sul ruolo controverso di una scrittrice femminista, anticlericale e animalista, ma che ha vinto il Nobel e avuto grande successo commerciale.

– Leggi anche: 6 modi per isolarsi dal rumore

***

Disclaimer. Lo ripetiamo anche se probabilmente si era già capito: il Post ha un’affiliazione con Storytel e ottiene un piccolo ricavo se decidete di provare il servizio di streaming partendo dal link di questa pagina. Ma potete anche cercarlo su Google.