Francesco Paolo Figliuolo (ANSA/EPA/Roberto Monaldo)

Se a fine giornata avanzano dosi di vaccino «chiunque passa va vaccinato»

Lo ha detto Francesco Paolo Figliuolo, Commissario straordinario per l’emergenza COVID-19, parlando delle dosi che vengono buttate nei centri vaccinali

Francesco Paolo Figliuolo (ANSA/EPA/Roberto Monaldo)

Il generale Francesco Paolo Figliuolo, nominato il primo marzo Commissario straordinario per l’emergenza COVID-19 al posto di Domenico Arcuri, durante un’intervista a Che tempo che fa, su Rai 3, ha parlato del nuovo piano vaccinale del governo. Tra le altre cose, Figliuolo ha parlato della questione delle “dosi di vaccino buttate”, cioè quelle dosi che a fine giornata avanzano nei centri vaccinali e che, nel caso in cui non ci siano persone di classi vaccinabili disponibili in quel momento, vengono buttate perché non possono essere utilizzate il giorno successivo. A questo proposito Figliuolo ha detto:

«Bisogna utilizzare il buonsenso: se ci sono le classi prioritarie che possono utilizzarlo [il vaccino, ndr] bene, sennò si va su classi vicine, sennò chiunque passa va vaccinato. Questo bisogna fare»

Figliuolo ha inoltre ribadito l’intenzione del governo di arrivare entro settembre a 137,3 milioni di dosi di vaccino consegnate all’Italia, che idealmente corrisponderebbero a più di 80 milioni di vaccinati, cioè molto di più dei 51 milioni di persone che costituiscono il totale della popolazione vaccinabile, cioè i maggiori di 16 anni.

– Leggi anche: Cosa dice il nuovo piano vaccinale nazionale

Le cose da sapere sul coronavirus