Una canzone di Daniele Silvestri

Per attenuare la sua percepibile assenza dal Festival (ma un salto lo fa)

(Credit Image: © Daniela Franceschelli/Pacific Press via ZUMA Wire)

Le Canzoni è la newsletter quotidiana che ricevono gli abbonati del Post, scritta e confezionata da Luca Sofri (peraltro direttore del Post): e che parla, imprevedibilmente, di canzoni. Una per ogni sera, pubblicata qui sul Post l’indomani, ci si iscrive qui.
Oggi 90 anni fa il Congresso degli Stati Uniti sancì che l'inno nazionale diventasse quello, gran canzone, che era una musica inglese settecentesca su cui era stato messo un testo del 1814 che celebrava una battaglia a Baltimora contro gli inglesi stessi. In questo contesto la versione più famosa sarebbe quella di Jimi Hendrix, ma la sappiamo tutti, e quindi aggiungiamo Billy Joel che fa sempre il suo lavoro (anche perché è una delle cose su cui steccano quasi tutti sempre, per le ragioni spiegate qui). Please rise.
Vent'anni fa in questi giorni scrivevo del Buddha Bar, vedi la vita.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.