Manifestazione di studenti contro la didattica a distanza davanti al liceo Vittorio Veneto di Milano, il 16 gennaio 2021 (ANSA/Mourad Balti Touati)
  • Italia
  • domenica 17 Gennaio 2021

Dove riaprono le scuole lunedì

Le scuole superiori riapriranno in Emilia-Romagna, Lazio, Molise e Piemonte: una guida regione per regione

Manifestazione di studenti contro la didattica a distanza davanti al liceo Vittorio Veneto di Milano, il 16 gennaio 2021 (ANSA/Mourad Balti Touati)

Con i nuovi colori delle regioni entrati in vigore domenica 17 gennaio, sono cambiate in parte anche le regole sulla didattica nelle scuole. Nelle zone rosse la didattica è a distanza dalla seconda media in su, mentre nelle zone arancioni e gialle è in presenza fino alla terza media, e per le superiori è in presenza almeno al 50 per cento e fino a un massimo del 75 per cento degli studenti in aula. Ma alcune regioni si sono organizzate e si stanno organizzando diversamente, posticipando il rientro per gli studenti delle superiori – e non solo, nel caso della Campania. Le novità più rilevanti riguardano gli studenti delle scuole superiori di Emilia-Romagna, Lazio, Molise e Piemonte, che torneranno a scuola in presenza.

Il Comitato tecnico scientifico del governo, che si è riunito oggi su richiesta delle regioni, ha confermato al ministro della Salute Roberto Speranza che nelle scuole superiori si può tornare a fare didattica in presenza tra il 50 e il 75 per cento degli studenti in aula.

Abruzzo
La didattica è in presenza fino alla terza media, per le superiori è in presenza al 50 per cento degli studenti, come era già da lunedì scorso.

Basilicata
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori fino al 30 gennaio compreso.

Calabria
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori fino al 30 gennaio compreso.

Le cose da sapere sul coronavirus

Campania
Le attività scolastiche – esclusa la «refezione» – saranno in presenza per le classi prime, seconde e terze della scuola primaria, oltre che per la scuola dell’infanzia e per i bambini e ragazzi con bisogni educativi speciali. Rispetto alla settimana scorsa in pratica riprende la didattica in presenza per gli alunni delle classi terze della scuola primaria. Scuole medie e superiori resteranno chiuse almeno fino al 23 gennaio compreso, da ordinanza regionale.

Emilia-Romagna
La didattica è in presenza fino alla terza media, mentre per le superiori è in presenza almeno per il 50 per cento degli studenti.

Friuli Venezia Giulia
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori fino al 30 gennaio compreso.

Lazio
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nelle scuole superiori è in presenza per il 50 per cento degli studenti.

Liguria
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori fino al 23 gennaio compreso: la didattica a distanza è stata prolungata di un’altra settimana.

Lombardia
La didattica è a distanza dalla seconda media in su, perché la regione è zona rossa.

Marche
Finora non è stata cambiata la precedente decisione di tenere chiuse le scuole superiori fino al 30 gennaio compreso, ma il presidente della Regione Francesco Acquaroli ha detto che a seconda dell’andamento dei contagi sarà valutata una riapertura per l’ultima settimana di gennaio.

Molise
La didattica è in presenza fino alla terza media e nelle scuole superiori la didattica in presenza riprenderà da lunedì, fino al 75 per cento degli studenti. Faranno eccezione le scuole del comune di Sant’Elia a Pianisi, in provincia di Campobasso, zona rossa fino al 29 gennaio: lì ci sarà didattica a distanza per le scuole di tutti gli ordini, fatta eccezione per le scuole dell’infanzia.

Piemonte
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nelle scuole superiori è in presenza per il 50 per cento degli studenti.

Puglia
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori fino al 23 gennaio compreso.

Sardegna
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori fino al 30 gennaio compreso.

Sicilia
La didattica è a distanza dalla seconda media in su, perché la regione è zona rossa.

Toscana
La didattica è in presenza fino alla terza media. La didattica nelle scuole superiori continuerà a essere fatta al 50 per cento degli studenti.

Trentino-Alto Adige
Nella provincia di Trento le scuole superiori hanno iniziato con la didattica in presenza al 50 per cento fin dal 7 gennaio. La provincia autonoma di Bolzano è diventata zona rossa e perciò la didattica dovrebbe essere a distanza dalla seconda media in su, ma il governo provinciale ha fatto un’ordinanza per rimanere zona gialla e quindi tenere aperte le scuole superiori come questa settimana: con ingressi scaglionati e tra il 50 e il 75 per cento.

Umbria
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori fino al 23 gennaio compreso.

Valle d’Aosta
La didattica è in presenza fino alla terza media. La didattica nelle scuole superiori continuerà a essere fatta al 50 per cento degli studenti.

Veneto
La didattica è in presenza fino alla terza media. Nessuna attività in presenza per le scuole superiori almeno fino al 30 gennaio compreso.

– Leggi anche: Il governo riuscirà ad avere la maggioranza al Senato?