• Mondo
  • mercoledì 5 Agosto 2020

I video dell’enorme esplosione a Beirut, in Libano

Sono decine, e l'hanno ripresa da più punti: mostrano anche cosa è successo dopo, il porto distrutto e la situazione critica negli ospedali

Martedì pomeriggio a Beirut, la capitale del Libano, c’è stata un’enorme esplosione nella zona del porto della città che ha causato almeno cento morti e più di 4mila feriti: per ora non c’è un bilancio finale anche perché ci sono diversi dispersi. La notizia dell’esplosione ha cominciato a diffondersi assieme alle decine di video amatoriali che l’hanno ripresa da più punti. Qui ne abbiamo raccolti alcuni tra i più significativi per dare l’idea dell’enormità dell’esplosione, avvenuta – secondo quanto riferito dal ministro dell’Interno Hassan Diab – in un deposito di nitrato di ammonio da 2.750 tonnellate, un composto chimico utilizzato principalmente come fertilizzante ma anche per produrre esplosivi.

Attenzione, nei video sono riprese alcune immagini forti.

Ci sono diversi video che riprendono il momento dell’esplosione perché chi li ha girati era concentrato sulla grande massa di fumo e su alcune esplosioni più piccole che avevano preceduto quella maggiore, le quali avevano fatto pensare, inizialmente, a un deposito di fuochi d’artificio.

Qui si vede chiaramente l’onda d’urto provocata dall’esplosione, sulla superficie dell’acqua.

Gli ospedali di Beirut, dicono alcune testimonianze, sono già troppo pieni o troppo danneggiati per accogliere altri feriti. Peraltro in Libano, attualmente, sono stati registrati più di 5mila casi di coronavirus.

 

Su Twitter è diventato virale un video che mostra l’onda d’urto dell’esplosione sulle finestre di un’edificio e una donna che, avvertita l’esplosione, prende in braccio istintivamente una bambina per proteggerla.

I video girati nei pressi del porto mostrano un intenso fumo grigiastro e gli estesi danni alla città.

Nei pressi del punto dell’esplosione appare tutto distrutto, compresa quella che sembra una nave ormeggiata.

– Leggi anche: Cosa sappiamo dell’enorme esplosione a Beirut