Il bus sequestrato da Maksym Kryvosh a Lutsk, in Ucraina, il 21 luglio 2020 (Ukrainian Police Press Office via AP)
  • Mondo
  • mercoledì 22 Luglio 2020

La bizzarra fine del sequestro di un autobus in Ucraina

13 ostaggi sono stati liberati dopo ore di trattative grazie a un video pubblicato dal presidente Zelensky, che consigliava la visione del film antispecista "Earthlings", come richiesto dal sequestratore

Il bus sequestrato da Maksym Kryvosh a Lutsk, in Ucraina, il 21 luglio 2020 (Ukrainian Police Press Office via AP)

Nella mattinata del 21 luglio a Lutsk, in Ucraina, un uomo di 44 anni, identificato poi come Maksym Kryvosh, ha preso in ostaggio 13 passeggeri di un autobus. Dopo ore di trattative, che hanno coinvolto direttamente anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, gli ostaggi sono stati liberati e Kryvosh è stato arrestato.

Zelensky ha ottenuto la liberazione dei primi tre ostaggi, tra cui una donna incinta e un bambino, dopo aver pubblicato sulla sua pagina Facebook, assecondando una delle richieste del sequestratore, un breve video in cui diceva in russo: «Tutti dovrebbero guardare il film del 2005 Earthlings». Quando anche gli altri dieci ostaggi sono stati liberati, il presidente Zelensky, che ha condotto la trattativa direttamente con il sequestratore insieme al ministro dell’Interno Arsen Avakov che si trovava sul posto, ha cancellato il video.

Earthlings è un documentario contro le violenze sugli animali (considerato antispecista, cioè contro lo specismo, l’attribuzione di un diverso valore e status morale agli essere viventi in base all’appartenenza a una specie), prodotto e diretto da Shaun Monson e che ha come voce narrante quella dell’attore statunitense Joaquin Phoenix. Il documentario racconta dal punto di vista antispecista, anche con l’uso di telecamere nascoste, il funzionamento dell’industria alimentare che trasforma gli animali in cibo e in vestiario per gli esseri umani, e le conseguenze della sperimentazione scientifica. Il film è considerato in tutto il mondo una sorta di manifesto animalista.

Kryvosh era armato e aveva detto di aver posizionato una bomba in un luogo pubblico della città che avrebbe potuto far esplodere a distanza. La polizia aveva quindi isolato il centro della città e aveva chiesto ai residenti di non lasciare case e uffici. Non è ancora chiaro se siano state trovate o meno delle bombe, ma comunque il ministro Avakov ha detto che Kryvosh aveva diverse armi da fuoco funzionanti con sé.

Kryvosh aveva dei precedenti e avrebbe trascorso circa 10 anni in prigione per condanne per frode e possesso illegale di armi. Oltre alla richiesta di promozione del film animalista Earthlings, il sequestratore aveva anche richiesto che le più importanti figure politiche ucraine si dichiarassero «terroristi».