Il Cavallo morente di Francesco Messina davanti alla sede Rai di viale Mazzini, Roma, 29 ottobre 2018 (ANSA/ANGELO CARCONI)
  • Italia
  • sabato 16 Maggio 2020

Le nuove nomine alla Rai

Mario Orfeo è stato nominato direttore del Tg3 – dopo essere stato in passato direttore generale della Rai, del Tg1 e del Tg2 – mentre Franco Di Mare sarà direttore di Rai 3

Il Cavallo morente di Francesco Messina davanti alla sede Rai di viale Mazzini, Roma, 29 ottobre 2018 (ANSA/ANGELO CARCONI)

Il Consiglio di Amministrazione della Rai ha approvato le nomine di alcuni direttori di rete e dei telegiornale della tv pubblica che erano stati proposti dall’amministratore delegato dell’azienda Fabrizio Salini. Giovedì Salini aveva inviato le proposte al Consiglio, dopo mesi di trattative fra i partiti di governo sui nomi considerati più o meno vicini alle due forze politiche.

Il Cda della Rai ha confermato la nomina, tra le altre, di Mario Orfeo a direttore del Tg3. Orfeo è stato direttore generale della Rai e in passato aveva diretto sia il Tg1 (dal 2012 al 2017) che il Tg2 (dal 2009 al 2011): sarà quindi il primo giornalista ad aver diretto i tre telegiornali delle più importanti reti Rai.

– Leggi anche: Come funzionerà la regolarizzazione dei migranti

Orfeo è ad oggi direttore di Rai Way, la società per azioni quotata in borsa del gruppo Rai che è proprietaria della rete di diffusione del segnale radiotelevisivo dell’emittente e gestisce gli impianti della stessa rete. Orfeo sostituirà alla direzione del Tg3 Giuseppina Paterniti che è stata nominata responsabile dell’Offerta informativa del servizio pubblico. Il nuovo direttore di RaiTre sarà invece il giornalista Franco Di Mare, che prenderà il posto di Silvia Calandrelli.

La sostituzione di due donne con due uomini alla direzione di Tg3 e RaiTre ha causato la protesta delle commissioni Pari opportunità di Fnsi, Usigrai e Odg e dell’associazione GiULiA Giornaliste (Giornaliste unite libere autonome), che hanno diffuso un comunicato in cui si legge: «Ancora una volta sono le donne a essere sacrificate sull’altare della lottizzazione politica».

Alla direzione di Ray Way, al posto di Orfeo, arriverà Giuseppe Pasciucco, mentre l’ex direttrice di Rai 1, Teresa De Santis, guiderà un’altra partecipata, Rai Com, società che si occupa della diffusione dei contenuti della rete nel mondo. L’amministratrice delegata di Rai Com rimarrà Monica Maggioni (già presidente della Rai dal 2015 al 2018) fino al prossimo primo giugno, quando sarà approvato il bilancio e saranno rinnovate le cariche del Cda. Maggioni ha già annunciato che si dimetterà dopo quella data e dovrebbe tornare alla conduzione di un programma di approfondimento giornalistico.

– Leggi anche: C’è un piccolo caso intorno a Federica Mogherini