(Andressa Anholete/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 27 Aprile 2020

Bolsonaro è sempre più nei guai

Dopo la sua decisione di licenziare il popolare ministro della Giustizia, ora in Brasile si parla apertamente di impeachment

(Andressa Anholete/Getty Images)

Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro sta passando uno dei momenti più difficili dalla sua elezione. Dopo aver licenziato il popolare ministro della Giustizia Sérgio Moro, sembra per ragioni politiche, Bolsonaro ha ricevuto moltissime critiche anche da una parte dei suoi sostenitori, mentre l’opposizione ha organizzato nuove proteste e parlato esplicitamente della possibilità di rimuoverlo attraverso una procedura di impeachment. A tutto questo si aggiunge la sua gestione confusa e assai poco popolare dell’epidemia da coronavirus, che Bolsonaro ha cercato di sminuire sin dai primi giorni. «Il governo sta scricchiolando», ha detto al Guardian Eliane Cantanhêde, un’analista politica del quotidiano conservatore Estado de São Paulo.

– Leggi anche: In Nuova Zelanda il coronavirus è quasi scomparso

Tutto è iniziato due settimane fa, quando Bolsonaro – eletto nel 2018 e sostenuto da una maggioranza di destra – ha deciso di licenziare il capo della polizia federale, Mauricio Valeixo, per ragioni mai chiarite ufficialmente. I giornali sospettano che Bolsonaro l’abbia licenziato per ostacolare le indagini in corso su due suoi figli: Carlos, consigliere comunale a Rio de Janeiro, è coinvolto nella creazione di quella che il País ha definito «la fabbrica di notizie false», cioè il gruppo di esperti di social media incaricato di diffondere notizie false o imbarazzanti nei confronti degli avversari politici di Bolsonaro, anche attraverso l’uso di bot. Flavio, senatore, sarebbe invece sotto indagine per corruzione e legami con la mafia di Rio de Janeiro.

Moro ha raccontato di aver chiesto conto a Bolsonaro della decisione di licenziare Valeixo. Il presidente gli avrebbe risposto che intendeva rimpiazzarlo con qualcuno di più fedele, attraverso cui ottenere informazioni riservate sull’attività della magistratura. Moro era molto popolare nel paese per il ruolo attivo che aveva avuto nel processo ai danni dell’ex presidente Lula – processo che secondo diversi critici ha avuto profonde ragioni politiche – e diversi sostenitori di Bolsonaro non l’hanno presa bene.

«È stato un brutto colpo», ha detto al New York Times José Augusto Rosa, un deputato considerato il capo di un gruppo a favore dell’industria delle armi: «Moro era un pilastro per la stabilità della base elettorale del governo, e rappresentava la lotta contro la corruzione e il crimine organizzato».

L’opposizione è stata ancora più dura. Simone Tebet, la senatrice che presiede la commissione Giustizia del Senato, ha twittato che se le accuse contro Bolsonaro saranno provate rappresenterebbero un crime de responsabilidade, una specie di abuso d’ufficio. È la stessa accusa con cui nel 2016 fu rimossa, al termine di una procedura di impeachment, l’allora presidente Dilma Rousseff.

Venerdì sera, in un discorso televisivo circondato dai ministri rimasti in carica, Bolsonaro ha respinto tutte le accuse e ribadito che il presidente «non deve dare spiegazioni a nessuno se vuole licenziare un funzionario».

Bolsonaro è già stato mollato dal suo partito a novembre, e subito dopo la decisione di allontanare Moro il quotidiano Folha de São Paulo ha scritto che i militari che fanno parte del suo governo stavano considerando di dimettersi in blocco, cosa che danneggerebbe ulteriormente la sua immagine. Bolsonaro è piuttosto isolato anche sul piano internazionale: nonostante il sostegno del presidente statunitense Donald Trump e di alcuni partiti dell’estrema destra europea, non sembra aver stretto particolari legami con importanti leader mondiali.

La procedura di impeachment prevista dalle leggi brasiliane è comunque piuttosto laboriosa – servono una maggioranza di due terzi alla Camera e due voti al Senato – e al momento potrebbe essere ancora presto per avviarla, specialmente durante una pandemia. «Non scommetterei né a favore né contro un impeachment», ha commentato Cantanhêde, spiegando però che «è difficile immaginare che Bolsonaro arrivi in fondo al suo mandato in mezzo a questo caos».