(AP Photo/Felipe Dana)
  • Mondo
  • giovedì 16 Aprile 2020

Il coronavirus ha fatto diminuire quasi tutti i reati violenti

Un po' ovunque sono calati furti, rapine e omicidi, mentre i dati a disposizione dicono che i casi e le segnalazioni di violenza domestica sono aumentate

(AP Photo/Felipe Dana)

Una delle conseguenze collaterali alla pandemia da coronavirus in corso un po’ in tutto il mondo è il netto calo dei reati violenti registrato praticamente ovunque, anche nei paesi che storicamente hanno i dati più alti. Le restrizioni sugli spostamenti, con varie sfumature, sono presenti nella stragrande maggioranza dei paesi, e sembra che fra le altre cose abbiano limitato di parecchio la possibilità di compiere alcuni reati molto comuni fra cui rapine, furti, omicidi e vari altri crimini.

In alcune delle città più violente degli Stati Uniti, che da qualche settimana sono diventati il paese più colpito al mondo dalla pandemia, le autorità hanno diffuso dati piuttosto significativi: a Chicago gli arresti per traffico di droga sono scesi del 42 per cento dall’inizio delle restrizioni, a Los Angeles diversi dati sulla criminalità sono calati del 30 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre a New York – dove è attivo il focolaio più grave del paese – diversi reati violenti come omicidi, stupri, rapine e aggressioni sono calati del 12 per cento da febbraio a marzo.

A El Salvador, un paese dell’America Centrale che di norma ha il tasso di omicidi più alto al mondo, a marzo sono stati registrati 65 omicidi per una media di due al giorno; un dato estremamente basso considerato che alcuni anni fa in certi mesi se ne contavano circa 600. «La quarantena è senza dubbio uno dei fattori che ha causato la riduzione degli omicidi», ha detto ad Associated Press un professore e opinionista televisivo locale, Juan Carlos Fernández Saca: «Quando ci sono restrizioni ai movimenti per i membri delle gang e altri criminali diventa difficile muoversi indisturbati». Simili riduzioni sono state registrate anche in Sudafrica e nel Regno Unito, fra gli altri.

Anche in Italia diversi tipi di reati violenti sono drasticamente diminuiti. Secondo i dati del ministero dell’Interno diffusi alla fine di marzo, nelle prime tre settimane del mese i tentati omicidi sono diminuiti del 50 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre i furti sono calati del 67,4 per cento, le rapine del 54,4 per cento e gli incendi del 76,7 per cento.

Le cose da sapere sul coronavirus

Non tutti i tipi di reati sono però diminuiti, anzi: da settimane gli esperti di sicurezza informatica segnalano diversi attacchi coordinati a siti istituzionali e privati, mentre sappiamo per certo che in alcuni paesi stanno aumentando i casi di violenza domestica.

In queste settimane la coesistenza obbligatoria può diventare un pericolo per le donne vittime di violenza di genere. Restare a casa e condividere costantemente lo spazio con i propri aggressori per molte donne potrebbe non essere l’opzione più sicura, e creare anzi le circostanze in cui la propria incolumità viene ulteriormente compromessa. Alcuni dati diffusi nelle ultime settimane sembrano confermare questi timori.

A Parigi, i dati sono di fine marzo, in una settimana gli abusi domestici sono aumentati del 36 per cento rispetto a quella precedente, mentre in Inghilterra e in Galles le segnalazioni sono aumentate del 3 per cento dall’inizio delle restrizioni sui movimenti.

Ieri, inoltre, l’associazione italiana D.i.Re, che riunisce 80 centri antiviolenza in Italia, ha diffuso alcuni dati sulle richieste d’aiuto ricevute tra il 2 marzo e il 5 aprile: sono state 2.867, il 74,5 per cento in più rispetto alla media mensile del 2018, l’ultima rilevata.