(Chris Hondros/Getty Images)

La pandemia è un enorme problema per le altre vaccinazioni

Nei paesi in via di sviluppo si stanno sospendendo le campagne vaccinali di massa contro morbillo, poliomielite e altre malattie, per ridurre i contagi da coronavirus: ma ci sono grandi rischi

(Chris Hondros/Getty Images)

Diverse iniziative per la diffusione dei vaccini, che comprendono soggetti pubblici e privati, nelle ultime settimane hanno raccomandato di sospendere le campagne vaccinali di massa per ridurre i contatti sociali e provare a contenere la pandemia da coronavirus. Secondo diversi esperti la sospensione è inevitabile, ma potrebbe avere grandi conseguenze e portare a nuovi picchi di malattie infettive che solitamente vengono tenute sotto controllo grazie ai vaccini, come la poliomielite.

Il problema potrebbe coinvolgere soprattutto i paesi più poveri, dove le campagne di vaccinazione di massa negli ultimi decenni hanno contribuito a salvare milioni di vite. Campagne di questo tipo sono orientate a fornire i vaccini a milioni di individui in breve tempo, nell’ambito di progetti per ridurre le epidemie causate dalle principali malattie infettive. Sono importanti soprattutto nei paesi più poveri e con sistemi sanitari fragili, che non sarebbero in grado di garantire vaccinazioni per tutti. Non devono quindi essere confuse con le normali campagne di vaccinazione individuale.

La Global Polio Eradication Initiative, che da oltre 30 anni lavora per eliminare la poliomielite tramite le vaccinazioni, ha consigliato alla fine di marzo di sospendere le campagne vaccinali di massa almeno fino alla seconda metà di quest’anno. Sempre a fine marzo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha diffuso un documento nel quale consiglia di rinviare tutte le campagne vaccinali analoghe per altre malattie infettive.

Le sospensioni sono raccomandate per ridurre il carico di lavoro in una situazione di emergenza come l’attuale, e per provare a mantenere il distanziamento sociale. Soprattutto nei paesi più poveri, infatti, le campagne vaccinali di massa sono gestite convocando migliaia di persone al giorno, di solito per vaccinare i loro figli in età prescolare. Le vaccinazioni avvengono in strutture e ambulatori molto affollati, e potrebbero quindi favorire la diffusione del coronavirus contribuendo a fare aumentare i contagi.

Le cose da sapere sul coronavirus

Molti paesi hanno iniziato a seguire le indicazioni, sospendendo le vaccinazioni. Seth Berkley, capo di GAVI Alliance (collaborazione pubblica e privata per migliorare l’accesso ai vaccini), stima che le progressive sospensioni abbiano finora interessato 13,5 milioni di persone – per lo più bambini – che non hanno potuto ricevere vaccini contro la poliomielite, il morbillo, il papillomavirus, la febbre gialla, il colera e alcune forme di meningite. Secondo le sue stime, nei prossimi mesi si aggiungeranno diversi altri milioni di persone, comportando maggiori rischi per la diffusione di malattie che nei casi più gravi causano la morte.

Il sito della rivista scientifica Science segnala che le vaccinazioni per il morbillo sono state sospese in oltre 20 nazioni nelle ultime settimane: questo implica che fino a 80 milioni di bambini restino senza vaccino e con un rischio più alto di contrarre la malattia, che può avere effetti permanenti sulla loro salute. Nei paesi più poveri, il virus del morbillo uccide tra il 3 e il 6 per cento degli individui infetti. Solo nel 2018, la malattia ha causato oltre 10 milioni di contagi e la morte di almeno 140mila persone. Il virus del morbillo è inoltre estremamente contagioso, quindi potrebbe portare rapidamente a focolai difficili da contenere.

La Repubblica Democratica del Congo per ora ha deciso di proseguire con le campagne vaccinali contro il morbillo, una scelta condivisa da diversi esperti. Il paese è stato negli ultimi anni tra i più interessati dalla malattia con un’epidemia ancora in corso che finora ha causato la morte di circa 6.500 bambini e ne ha fatti ammalare almeno 340mila.

Mentre è praticamente assente nei paesi Occidentali, la poliomielite continua a essere un serio problema nei paesi più poveri dell’Africa e in alcuni paesi asiatici. Negli ultimi anni grazie ai vaccini sono stati comunque raggiunti obiettivi importanti, come l’eradicazione di una delle tre varianti del virus che causa la malattia, che interessa specialmente i bambini e causa forme permanenti di paralisi. Il rischio è che la malattia torni a diffondersi in paesi dove era stata dichiarata eliminata, e per questo la raccomandazione di sospendere le vaccinazioni sarà rivalutata ogni due settimane, con considerazioni su costi e benefici di un’eventuale ripresa.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha comunque invitato le autorità sanitarie a proseguire le vaccinazioni individuali, dove possibile. Nelle ultime settimane sono stati riscontrati diversi problemi logistici sia per l’approvvigionamento dei vaccini sia per la loro somministrazione, a causa dell’impegno del personale sanitario per la COVID-19. Sono anche diminuite le presenze negli ambulatori per le vaccinazioni, perché spesso i genitori preferiscono non portare i loro figli in ambienti ospedalieri, nel timore che possano contrarre il coronavirus.

OMS, GAVI e altre organizzazioni confidano di poter recuperare il tempo perso in questo periodo in futuro, grazie a una maggiore disponibilità di risorse e attenzioni nei confronti delle malattie infettive, suscitata dall’attuale pandemia.

In Italia al momento non si segnalano particolari problemi e le principali campagne vaccinali, come quelle contro il morbillo, non sono state sospese. Il vaccino viene somministrato nell’ormai classica versione quadrivalente (morbillo, rosolia, parotite e varicella), e sono previste le vaccinazioni anche per le altre malattie infettive più comuni. In alcune aree geografiche ci potrebbero essere ritardi nella gestione degli appuntamenti e delle somministrazioni, per questo il consiglio per i genitori è di mettersi in contatto con le ASL di appartenenza per avere gli ultimi aggiornamenti.