Una canzone di Frank Sinatra

Una canzone da farsi lasciare tutta la vita, e chissenefrega

(Fox Photos/Getty Images)

È morto Bill Withers, oggi. Pensavo che ormai non sarebbe morto mai più. Forse non morirà mai più - scusate la banalità da necrologio di chiunque - uno che ha scritto una canzone che ogni mattina dice "When I wake up in the morning, love".
Paul Simon ha canticchiato The boxer, a 78 anni, per tutti quanti i newyorkesi. Non è riuscito tantissimo a metterci di buonumore, sarà la scenografia penitenziaria. Con la famiglia e Woody Harrelson era andata meglio.
Trent'anni fa morì Sarah Vaughan, grande cantante jazz che non divenne mai numero uno perché c'erano in giro Ella Fitzgerald e Billie Holiday. Faceva Gershwin, spesso, ma ci metto anche The more I see you.
E non voglio tenervi troppo sui morti, ma sono pure 70 anni da che è morto Kurt Weill, e non resisto alla tentazione di ricordare che fu l'autore di September song, Mack the knife e Alabama song.

Abbonati al

Questa pagina fa parte dei contenuti visibili agli abbonati del Post. Se lo sei puoi accedere, se non lo sei puoi esserlo.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.