Il presidente bielorusso Lukanshenko durante una partita di hockey su ghiaccio il 28 marzo 2020 (Andrei Pokumeiko/BelTA Pool Photo via AP, File)
  • Mondo
  • venerdì 3 Aprile 2020

«Qui il virus non c’è»

Lo dice il presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko, che si rifiuta di prendere misure contro il coronavirus e definisce i timori degli altri paesi una «psicosi di massa»

Il presidente bielorusso Lukanshenko durante una partita di hockey su ghiaccio il 28 marzo 2020 (Andrei Pokumeiko/BelTA Pool Photo via AP, File)

Il presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko, si è finora rifiutato di prendere qualsiasi misura contro il coronavirus (SARS-CoV-2), negando i rischi della pandemia e definendo una «psicosi di massa» i timori e le limitazioni imposte da moltissimi governi ai loro cittadini. Durante una partita di hockey su ghiaccio giocata la scorsa settimana, Lukashenko, considerato “l’ultimo dittatore d’Europa”, ha detto a un giornalista che stava seguendo l’evento: «Qui il virus non c’è».

I casi di coronavirus registrati nel paese sono poco più di 300, i morti segnalati quattro. Secondo alcuni bielorussi, ha scritto Associated Press, i dati diffusi dal governo starebbero però sottostimando la diffusione del virus, con l’obiettivo di non fermare l’economia nazionale, già in grossa difficoltà per altre ragioni.

– Leggi anche: Il coronavirus durante e dopo la gravidanza

La Bielorussia è l’unico paese europeo dove si continuano a giocare le partite di calcio professionistico a porte aperte, con gli spettatori sugli spalti. Il ministro della Salute ha bocciato qualsiasi idea di imporre restrizioni o quarantene alla popolazione, dicendo che il governo avrebbe condotto tamponi su larga scala e avrebbe controllato gli spostamenti delle persone risultate positive al test: per questo finora nessuna delle attività commerciali e produttive del paese è stata bloccata.

Le cose da sapere sul coronavirus

Il presidente Lukashenko ha suggerito ai bielorussi di farsi una sauna «due o tre volte a settimana», sostenendo che il virus non sopravviva alle alte temperature; ha detto di «lavarsi le mani più spesso, fare colazione in orario, pranzare e cenare»; ha previsto che il virus sparirà del tutto entro Pasqua, che quest’anno le chiese ortodosse celebrano il 19 aprile (la più grande organizzazione religiosa del paese è la Chiesa ortodossa bielorussa); e ha sostenuto che «saranno di più le persone che moriranno per la disoccupazione e la fame, che per il coronavirus».

– Leggi anche: Il disastro in Val Seriana

Associated Press ha scritto che l’impatto dell’imposizione di misure restrittive in Bielorussia sembra preoccupare Lukashenko molto più del coronavirus. L’economia bielorussa sta infatti attraversando un periodo complicato, a causa del taglio dei sussidi energetici deciso dalla Russia e dallo stallo nei negoziati per avviare una più ampia integrazione tra i due paesi, progetto che potrebbe aiutare in maniera significativa l’economia della Bielorussia.