Giuseppe Conte (Palazzo Chigi)
  • Italia
  • mercoledì 4 Marzo 2020

Cosa c’è nel decreto del governo sul coronavirus

Le scuole saranno chiuse fino al 15 marzo, le altre misure resteranno in vigore fino al 3 aprile

Giuseppe Conte (Palazzo Chigi)

Mercoledì sera il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato un decreto del governo con le «misure per il contrasto e il contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi» del coronavirus (SARS-CoV-2). Il decreto rimarrà in vigore fino al 3 aprile. Il testo completo si trova sul sito del governo, qui.

Com’era già stato comunicato nel tardo pomeriggio, le lezioni nelle scuole e nelle università saranno sospese in tutta Italia da giovedì 5 marzo fino al 15 marzo. Le scuole e le università continueranno a rimanere completamente chiuse solo nella cosiddetta zona rossa, quella per i comuni del Veneto e della Lombardia per cui è stato deciso l’isolamento (la sospensione delle lezioni non significa che le scuole saranno chiuse: resteranno accessibili a docenti, dirigenti e personale amministrativo).

Il decreto prevede «la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza». Le scuole sono infatti invitate ad attivare «modalità di didattica a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità». Saranno inoltre sospesi «i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche».

Il decreto precisa anche che «sono esclusi dalla sospensione i corsi post universitari connessi con l’esercizio di professioni sanitarie, ivi inclusi quelli per i medici in formazione specialistica, i corsi di formazione specifica in medicina generale, le attività dei tirocinanti delle professioni sanitarie, nonché le attività delle scuole di formazione attivate presso i ministeri dell’interno e della difesa».

– Leggi anche: Scuole e università rimarranno chiuse in tutta Italia fino al 15 marzo

Il telelavoro – o smart working – potrà essere applicato dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato.

– Leggi anche: Il discorso di Giuseppe Conte sul coronavirus

Gli eventi e le competizioni sportive saranno consentiti solo senza pubblico, ad eccezione della zona rossa, dove continueranno a essere vietate completamente. Si potrà fare sport nelle palestre, nelle piscine e nei centri sportivi a patto che sia possibile consentire una distanza personale di almeno un metro.

Lo stesso vale per «le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali»: sono consentiti solo quelli che permettono di mantenere tra le persone la distanza di sicurezza di un metro.

Il decreto stabilisce anche misure informative e di prevenzione dirette alle scuole, agli operatori sanitari, alle amministrazioni pubbliche e ai singoli cittadini. Indica infine alcune misure igienico-sanitarie da rispettare, che sono quelle prescritte dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS): lavarsi spesso le mani ed evitare di portarle al viso; starnutire o tossire in un fazzoletto o nell’incavo del gomito; evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici; non scambiarsi bicchieri e bottiglie; pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; indossare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assistono persone malate.