(David McNew/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 3 Marzo 2020

Guida al “Super Tuesday”

Stanotte si vota in 14 stati americani alle primarie dei Democratici, e potrebbe essere il momento decisivo per conoscere chi sfiderà Trump

(David McNew/Getty Images)

Negli Stati Uniti oggi si terrà il cosiddetto “Super Tuesday”, cioè il giorno delle primarie in cui si vota in più stati contemporaneamente: quest’anno saranno 14, più il territorio delle Samoa Americane. Il Super Tuesday è uno dei giorni più importanti di tutta la campagna elettorale: vengono assegnati circa un terzo dei delegati totali, cioè le persone che durante la convention estiva assegneranno la nomination del partito.

Nelle ore successive alla chiusura dei seggi potremo farci un’idea più chiara del consenso dei vari candidati del Partito Democratico e delle loro possibilità in vista delle prossime settimane: andranno tenuti d’occhio soprattutto il senatore socialista Bernie Sanders – che secondo i sondaggi stasera dovrebbe ottenere il maggior numero dei delegati – e l’ex vicepresidente Joe Biden, che vincendo nettamente le recenti primarie in South Carolina sembra avere rivitalizzato la propria campagna elettorale.

Breve storia del Super Tuesday
La prima volta che si parlò di Super Tuesday negli Stati Uniti fu nel 1980, quando tre stati americani tennero le primarie nello stesso giorno. Il Super Tuesday per come lo conosciamo oggi però nacque nel 1988, quando i Democratici degli stati del Sud decisero di organizzare le primarie nello stesso giorno in nove stati: volevano aumentare la propria influenza regionale nella scelta del candidato e dare alla campagna elettorale per le primarie presidenziali un orientamento più nazionale, diminuendo l’importanza data dai candidati ai temi locali dei singoli stati.

Più nello specifico, i Democratici del Sud intendevano orientare la scelta della nomination verso un candidato più moderato e vicino ai loro interessi. Ottennero il risultato opposto: gli elettori si divisero tra Al Gore e Jesse Jackson, senza che nessuno dei due riuscisse a prevalere, e la vittoria finale andò a Michael Dukakis, che al Super Tuesday aveva vinto in Florida e Texas e che andò bene anche negli stati successivi. Quell’anno poi Dukakis perse le elezioni presidenziali contro George H. W. Bush. Anche i Repubblicani “aderirono” al Super Tuesday già nel 1988.

Dal 1988 a oggi, il Super Tuesday ha sostanzialmente deciso la nomination finale per le elezioni presidenziali in diverse occasioni: l’ultima volta nel 2016, quando rispettivamente Hillary Clinton per i Democratici e Donald Trump per i Repubblicani consolidarono ulteriormente il vantaggio accumulato nelle prime settimane delle primarie e diventarono irraggiungibili dagli avversari.

Come, dove e quando si vota
Per ottenere la nomination alla convention estiva del Partito Democratico un candidato deve ottenere almeno 1.991 delegati: la maggioranza assoluta. Oggi se ne assegnano 1.344 su un totale di 3.979, praticamente un terzo. Più uno stato è popoloso, più sono i delegati che assegna.

Oggi si voterà in California e Texas, i due stati in assoluto più popolosi degli Stati Uniti, che assegnano rispettivamente 415 e 228 delegati. Si voterà anche in North Carolina (110 delegati), Virginia (99 delegati), Massachusetts (91 delegati), Minnesota (75 delegati), Colorado (67 delegati), Tennessee (64 delegati), Alabama (52 delegati), Oklahoma (37 delegati), Arkansas (31 delegati), Utah (29 delegati), Maine (24 delegati), Vermont (16 delegati) e Samoa Americane (6 delegati).

View this post on Instagram

In questa mappa degli Stati Uniti, le dimensioni degli stati sono alterate perché siano proporzionali al numero di delegati che mettono in palio alle primarie del Partito Democratico. Quelli che vedete in blu sono i delegati che si assegnano martedì, durante il cosiddetto Super-Tuesday: un terzo del totale.⁣⁣ ⁣⁣ Bernie Sanders resta il favorito: è di gran lunga il candidato con più soldi e meglio organizzato, ed è quasi sicuro di vincere in California, lo stato che mette in palio più delegati. Ma la vittoria straripante di Joe Biden in South Carolina può cambiare molto le cose, oltre ad annullare le poche speranze residue di Buttigieg e Klobuchar. Infine, martedì vedremo finalmente quanti voti ha Michael Bloomberg. ⁣ ⁣ Per chi vuole restare sveglio almeno per un po’: seguirò i risultati del Super-Tuesday su @skytg24, dove mi troverete tutta la notte tra martedì e mercoledì. Per tutti gli altri c’è Da Costa a Costa, podcast e newsletter. www.dacostaacosta.net

A post shared by Francesco Costa (@francescocosta21) on

In ogni stato i delegati vengono assegnati su base proporzionale con un criterio misto, sia statale sia distrettuale: in entrambi i casi, però, per ottenere delegati bisogna ottenere più del 15 per cento dei voti in tutto lo stato – per ottenere la quota dei delegati assegnati su base nazionale – oppure più del 15 per cento dei voti in un certo distretto.  Insomma, per capire quanto sarà andato bene un certo candidato non basterà leggere la percentuale di voti che ha ottenuto in totale.

I seggi chiuderanno a orari diversi: in Vermont alle 19 locali, quando in Italia sarà l’una di mattino di mercoledì 4, mentre in California alle 23 locali, quando in Italia saranno le cinque. Per avere un quadro completo dei risultati bisognerà probabilmente aspettare la mattinata inoltrata di mercoledì, ma il conteggio dei voti arrivati in anticipo in California potrebbe richiedere diversi giorni.

Come ci arrivano i candidati
Sanders è favorito – è avanti sia nei sondaggi nazionali sia in diversi stati che votano al Super Tuesday – ma in South Carolina è arrivato dietro a Biden di una trentina di punti, nonostante avesse fatto molti sforzi per ottenere i consensi dall’ampia comunità afroamericana dello stato. Più in generale diversi osservatori continuano a dubitare che la sua strategia per vincere le primarie, cioè mobilitare una minoranza molto compatta dell’elettorato fatta soprattutto da giovani e gente molto di sinistra, possa garantirgli i 1.991 delegati necessari per ottenere la nomination e più avanti i voti per battere Trump. Inoltre lo stesso Sanders ha detto più volte di voler vincere allargando la base del partito e coinvolgendo persone nuove, cosa che per il momento non è avvenuta.

Biden sembra essersi ripreso dopo la vittoria in South Carolina e sarà probabilmente avvantaggiato dal ritiro annunciato ieri di Amy Klobuchar e soprattutto di Pete Buttigieg, che piaceva a un elettorato – bianchi non giovani con un elevato titolo di studio – che difficilmente voterà per Sanders. L’ex vicepresidente rimane indietro a Sanders in diversi stati, ma i suoi sostenitori insistono sul fatto che nel conteggio finale dei delegati assegnati al Super Tuesday arriverà molto vicino a Sanders.

Degli altri candidati rimasti, soltanto Michael Bloomberg ha conservato una certa spinta – garantita soprattutto dall’enorme quantità di soldi che ha investito nella sua campagna elettorale – e dovrebbe riuscire a ottenere una quota minoritaria ma rilevante dei delegati. Elizabeth Warren è data praticamente per spacciata, a meno di risultati clamorosi, e il suo ritiro dovrebbe essere solo questione di tempo.

(Grafico di FiveThirtyEight)

Cosa dicono i sondaggi

Sanders dovrebbe vincere piuttosto facilmente in California, uno stato noto per votare piuttosto a sinistra, mentre Biden è dato di poco favorito in Texas,  il secondo stato che assegna più delegati fra quelli che votano in questo Super Tuesday. Biden e Sanders dovrebbero comunque spartirsi la vittoria più o meno in tutti gli stati: l’ex vicepresidente dovrebbe andare meglio negli stati del Sud come North Carolina, Tennessee e Alabama, mentre Sanders è dato molto avanti in posti come Minnesota e Colorado. Warren ha invece una piccola possibilità di vincere in Massachusetts, lo stato in cui è stata eletta al Senato. Il vincitore del Super Tuesday sarà comunque deciso da analisti e osservatori in base a vari criteri: le condizioni di partenza, le aspettative, il numero di delegati ottenuti, la percentuale di voto ottenuta in certi stati, e così via.

E dopo?
Nelle prossime settimane le primarie dei Democratici avranno diverse altre tappe importanti – il 10 marzo si vota in altri 7 stati, il 17 marzo in quattro stati molto popolosi – ma secondo i sondaggisti l’andamento del voto dipenderà molto dai risultati del Super Tuesday. Al momento l’ipotesi più probabile sembra quella per cui nessun candidato otterrà 1.991 delegati in vista della convention estiva: secondo FiveThirtyEight al momento c’è il 63 per cento di probabilità che finisca così, ma qualcosa potrebbe cambiare nei prossimi giorni se Warren e soprattutto Bloomberg decidessero di ritirarsi. Se nessun candidato dovesse arrivare alla convention estiva con la maggioranza assoluta dei delegati, sarebbero i candidati e i delegati stessi a dover trovare un accordo: probabilmente finendo per premiare il candidato con la maggioranza relativa, ma non è detto che vada così. I delegati dei candidati che si sono ritirati sono quasi sempre vincolati a votare al primo scrutinio per chi ha ricevuto il sostegno del proprio candidato – le cose cambiano leggermente da stato a stato – ma dall’eventuale secondo scrutinio in poi tutti possono votare liberamente.