• Italia
  • martedì 25 Febbraio 2020

La Procura di Milano ha aperto un’indagine per il sospetto di speculazioni sulla vendita di mascherine e gel disinfettanti

La Procura di Milano ha aperto un’inchiesta contro ignoti per il reato di «manovre speculative su merci» a causa della vendita, soprattutto online, a prezzi superiori a quelli di mercato di prodotti come mascherine e gel disinfettanti richiesti per arginare il diffondersi del coronavirus (SARS-CoV-2) e sempre più difficili da trovare nelle farmacie. Per esempio pacchi da 50 mascherine antipolvere (che non riescono a bloccare il passaggio dei virus) e chirurgiche (quelle consigliate per ridurre i rischi di contaminazione) vengono vendute online a 50 euro e in alcuni casi anche a 100 euro, una cifra molto superiore a quella di mercato in situazioni normali.

Leggi anche: Le mascherine servono a qualcosa contro il coronavirus?

Il reato prevede da sei mesi a tre anni di carcere e una multa da 516 a 25.822 euro. Le indagini sono affidate alla Guardia di finanza e alla polizia locale che potranno perquisire negozi, magazzini ed eventualmente sequestrare le merci.

Le cose da sapere sul coronavirus

Casalpusterlengo (Emanuele Cremaschi/Getty Images)