(ANSA/Mourad Balti Touati)
  • Italia
  • lunedì 24 Febbraio 2020

I disagi alla circolazione dei treni causati dai controlli per il coronavirus

Alle 13.30 è stata sospesa la tratta ferroviaria tra Lodi e Piacenza, causando grandi ritardi e parecchie cancellazioni

(ANSA/Mourad Balti Touati)

Lunedì alle 13.30 RFI (Rete Ferroviaria Italiana) ha sospeso il traffico tra Lodi e Piacenza, sulla linea Milano-Bologna, per un controllo sanitario alla stazione di Casalpusterlengo, in provincia di Lodi. Casalpusterlengo è uno dei comuni del lodigiano della cosiddetta “zona rossa”, dove sono stati individuati i primi casi di contagio da coronavirus (SARS-CoV-2).

Per ora non si hanno ulteriori informazioni sul motivo del controllo sanitario, ma intanto Trenitalia ha comunicato che ha attivato il numero verde 800892021 per chiedere informazioni, e ha messo a disposizione un servizio di bus sostitutivi tra Lodi e Piacenza.

La linea che è stata interrotta è la stessa su cui erano deviati i treni Frecciarossa e Italo a causa della momentanea chiusura della tratta di alta velocità dove era avvenuto il deragliamento di Frecciarossa lo scorso 6 febbraio.

Intanto diversi utenti stanno segnalando disagi sulla linea alta velocità che collega Milano e Napoli, con ritardi sia per i treni Freccia che per i treni di Italo: Trenitalia ha comunicato che i treni saranno deviati su un percorso alternativo che passa per Padova o Verona. Inoltre, tutti i treni regionali tra Bologna e Poggio Rusco sono stati cancellati e sostituiti con bus, mentre quelli tra Mantova e Verona saranno parzialmente cancellati oppure partiranno da (o arriveranno a) Dossobuono, poco lontano da Verona.

Le cose da sapere sul coronavirus

Sul proprio sito, Trenitalia ha comunicato la lista dei treni cancellati fin qui, oltre a quelli parzialmente cancellati e quelli a cui ha deviato percorso. Questi sono quelli cancellati:

 FR 9637 Torino Porta Nuova (12:50) – Napoli Centrale (18:33)

FR 9539 Milano Centrale (13:10) – Napoli Centrale (18:12)

FR 9321 Torino Porta Nuova (13:40) – Napoli Centrale (20:03)

FR 9320 Napoli Centrale (13:55) – Torino Porta Nuova (20:20)

FR 9640 Roma Termini (14:20) – Milano Centrale (17:30)

FR 9639 Milano Centrale (14:25) – Napoli Centrale (19:03)

FR 9646 Napoli Centrale (14:30) – Torino Porta Nuova (20:10)

FR 9548 Napoli Centrale (14:40) – Milano Centrale (19:50)

FR 9323 Torino Porta Nuova (14:40) – Napoli Centrale (21:03)

FR 9648 Napoli Centrale (14:55) – Milano Centrale (19:35)

FR 9643 Milano Centrale (15:25) – Roma Termini (18:40)

FR 9556 Napoli Centrale (16:40) – Milano Centrale (21:50)

FR 9662 Napoli Centrale (17:25) – Torino Porta Nuova (23:10)

FR 9657 Milano Centrale (18:30) – Napoli Centrale (23:03)

FA 8813 Milano Centrale (14:05) – Lecce (22:50)

FA 8819 Milano Centrale (16:05) – Bari Centrale (23:36)

Un comunicato diffuso da RFI ha annunciato che anche per domani sono previste riduzioni e limitazioni dei viaggi: i programmi della circolazione, dice RFI, «saranno pubblicati nelle prossime ore sui canali delle imprese ferroviarie».

Peraltro sia Trenitalia che Italo hanno comunicato oggi che rimborseranno i biglietti di chi rinuncia a viaggiare per timori legati alla diffusione del coronavirus, con modalità diverse: Trenitalia rimborserà tutti i viaggi indipendentemente dalla destinazione e dalla tariffa, mentre Italo rimborserà solo i viaggi verso le zone maggiormente interessate dai casi di contagio, quindi Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia-Romagna.

Leggi anche: Come funzionano i rimborsi per chi rinuncia a viaggiare a causa del coronavirus