(LaPresse/Stefano Porta)
  • Italia
  • lunedì 24 Febbraio 2020

Trenitalia e Italo rimborseranno il biglietto di chi rinuncia a viaggiare per timore del coronavirus

Chi ha comprato un biglietto fino al 23 febbraio potrà chiedere un rimborso, con modalità diverse a seconda se si viaggia con una o con l'altra compagnia

(LaPresse/Stefano Porta)

Trenitalia ha annunciato che rimborserà il biglietto di chi rinuncia a un viaggio per timore del coronavirus (SARS-CoV-2), indipendentemente dalla destinazione e dal luogo di partenza del viaggio e dalla tariffa acquistata. L’unica condizione per ottenere il rimborso è aver acquistato il biglietto non oltre il 23 febbraio 2020. Anche Italo ha annunciato un’iniziativa simile, ma con modalità diverse: verranno rimborsati soltanto i biglietti verso le zone interessate dai contagi, cioè il Piemonte, la Lombardia, l’Emilia-Romagna e il Veneto.

Il rimborso, spiega il sito di Trenitalia, si può ottenere in tutte le biglietterie o compilando il modulo a questa pagina web, nel caso il biglietto sia di un treno Freccia, Intercity o Intercity Notte (oppure sia un biglietto misto tra uno di questi treni o un regionale): consisterà in un bonus elettronico dello stesso valore dell’importo del proprio biglietto, da utilizzare entro un anno.

Nel caso si voglia chiedere il rimborso per un biglietto di un treno regionale, invece, ci sono due possibilità: andare in una biglietteria qualsiasi e ottenere un rimborso in contanti, oppure compilare questo modulo e portarlo in una biglietteria, specificando la modalità di rimborso desiderata (bonifico, assegno, bonus).

Leggi anche: Isolare le città italiane serve contro il coronavirus?

Anche Italo rimborserà i viaggi acquistati fino al 23 febbraio, ma solo se sono in programma tra il 24 e il 1 marzo 2020: per avere il rimborso bisognerà contattare il numero 060708 oppure inviare una mail all’indirizzo cancellazioni@ntvspa.it indicando il codice del biglietto nell’oggetto della mail. Italo offre un buono dello stesso valore del biglietto da utilizzare entro il 31 luglio 2020.

Le cose da sapere sul coronavirus