Roger Stone (Drew Angerer/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 11 Febbraio 2020

L’amministrazione Trump sta cercando di salvare Roger Stone

I procuratori federali avevano chiesto per l'ex consulente di Trump coinvolto nell'inchiesta sulla Russia fino a nove anni di carcere, ma il Dipartimento della Giustizia vuole una riduzione della pena

Roger Stone (Drew Angerer/Getty Images)

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti è intervenuto per chiedere una pena inferiore per Roger Stone, ex consigliere del presidente Donald Trump coinvolto nell’inchiesta sui contatti fra il comitato elettorale di Trump e la Russia, rispetto alla proposta dai procuratori federali che rappresentano l’accusa nel processo in cui è imputato e nel quale era stato condannato a novembre. È una cosa molto inusuale che ha attirato le attenzioni dei media e ha portato un procuratore a dimettersi dal Dipartimento e altri tre a lasciare il caso.

I procuratori che rappresentavano l’accusa nel processo contro Stone avevano chiesto lunedì una pena dai sette ai nove anni di prigione, richiesta che Trump aveva definito su Twitter «orribile e ingiusta». Martedì alcuni dirigenti del Dipartimento di Giustizia, quindi dei superiori dei procuratori e rappresentanti dell’amministrazione Trump, sono intervenuti per chiedere che la richiesta venisse ridotta. Conflitti di questo tipo raramente diventano pubblici, soprattutto nei casi di processi molto seguiti dai media. Da tempo, peraltro, diversi dirigenti del Dipartimento di Giustizia e il loro capo Bill Barr sono stati accusati di utilizzare il loro ruolo per prendere decisioni politiche a difesa degli interessi di Trump.

Stone, un personaggio un po’ da film oggetto anche di un apprezzato documentario, è un consulente politico statunitense di lunghissimo corso ed ex consigliere di Trump, e lo scorso novembre era stato condannato tra le altre cose per intralcio alla giustizia, per falsa testimonianza e per aver fatto da tramite tra il comitato elettorale di Trump, gli hacker russi e Wikileaks. La sua condanna era stata una delle conseguenze dell’inchiesta del procuratore speciale Robert Mueller sulle interferenze russe nella politica statunitense.

Che personaggio, Roger Stone