• Scienza
  • martedì 11 febbraio 2020

L’OMS ha chiamato COVID-19 la sindrome causata dal nuovo coronavirus

Martedì 11 febbraio, il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha annunciato che la malattia respiratoria causata dal nuovo coronavirus (2019-nCoV) è stata chiamata COVID-19. La sigla utilizza CO e VI per indicare il coronavirus, D per “malattia” (“disease” in inglese) e 19 per indicare l’anno di identificazione, il 2019 appunto. È probabile che nel tempo COVID-19 diventi anche il modo per riferirsi al nuovo coronavirus, come avvenuto in passato con altre sindromi infettive, anche se altri ricercatori propongono di chiamare il virus SARS-CoV-2.

Nel corso della conferenza stampa di aggiornamento sull’emergenza sanitaria, Tedros ha spiegato che il nome è stato scelto evitando di assegnargli alcuna indicazione geografica o altro tipo di identificazione. Nella sigla non sono quindi presenti riferimenti alla Cina o alla città di Wuhan, l’epicentro della crisi sanitaria. Il nuovo sistema “neutro” potrà essere utilizzato in futuro per indicare altre sindromi da coronavirus, mettendo ordine nella catalogazione. La scelta non connota inoltre negativamente specifiche aree geografiche, a differenza di alcune decisioni ritenute discutibili in passato come MERS, “Middle East Respiratory Syndrome”.

Il nuovo coronavirus (2019-nCoV) in un'elaborazione al computer (CDC)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.