Un'edicola di Torino espone al contrario le locandine dei quotidiani per protestare contro le scelte industriali degli editori di giornali, marzo 2019 (LaPresse/Giordan Ambrico)
  • Media
  • mercoledì 15 gennaio 2020

Quanto vendono i quotidiani, rispetto a sei anni fa

Sempre meno, e si sono superati alcuni traguardi negativi storici

Un'edicola di Torino espone al contrario le locandine dei quotidiani per protestare contro le scelte industriali degli editori di giornali, marzo 2019 (LaPresse/Giordan Ambrico)

Analizzando i dati ADS di “diffusione” dei quotidiani (ovvero le copie messe in circolazione, cartacee e digitali, che comprendono le vendite in edicola, gli abbonamenti e le distribuzioni gratuite) ed elaborando la tabella grafica pubblicata mensilmente da Prima Comunicazione, per il terzo anno confrontiamo questi dati con quelli del 2013, ovvero di sei anni fa, rispetto ai quotidiani che superano le 10mila copie. Questo mostra numeri alla mano e in maniera piuttosto impressionante lo straordinario declino di circolazione dei quotidiani anche soltanto nel passato più recente, quando la crisi era già avviata da tempo.

Più nel dettaglio, per la prima volta in ottobre Repubblica era scesa sotto le 200mila copie e avendole ora dimezzate in sei anni: tra i maggiori quotidiani nazionali solo il Sole 24 Ore e il Giornale hanno un calo maggiore. Tra gli altri dati vistosi: la Verità ha quasi raggiunto Libero, Avvenire si mantiene il solo quotidiano in crescita (anche grazie ai contributi pubblici, che aiutano anche Dolomiten), ItaliaOggi e il Tempo hanno un terzo delle copie di sei anni fa, il Manifesto resta sopra le 10mila copie. Solo rispetto a un anno fa il Sole 24 Ore, la Stampa, il Giornale e il Fatto hanno perso ciascuno più del dieci per cento delle copie, Repubblica quasi l’otto. Il Foglio non è registrato dai dati ADS.
Ricordiamoci che stiamo parlando di copie digitali e cartacee del “giornale”, non di lettori dei contenuti sui siti web (i numeri dei quotidiani sportivi invece si riferiscono alle edizioni non del lunedì).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.