• blog
  • mercoledì 30 gennaio 2019

Quanto vendono i quotidiani, rispetto a cinque anni fa

Sempre meno, con cali di diffusione che vanno dal trenta al sessanta per cento

Per aggiornare la lezione sullo stato dei quotidiani nel corso del Post alla scuola Belleville (sono aperte le iscrizioni al nuovo corso, peraltro), abbiamo rimesso insieme i nuovi dati sul declino della diffusione dei maggiori quotidiani italiani. La tabella è un’elaborazione di quella di Prima Comunicazione, e confronta i dati ADS dello scorso novembre con quelli dello stesso mese di cinque anni prima. La mostriamo anche qui, a chi interessi: con l’indicazione che per semplicità e omogeneità di confronto abbiamo usato i dati di “diffusione”, ovvero le copie messe in circolazione, cartacee e digitali, che comprendono le vendite in edicola, gli abbonamenti e le distribuzioni gratuite. Ricordiamoci che stiamo parlando di copie digitali e cartacee del “giornale”, non di lettori dei contenuti sui siti web (i numeri dei quotidiani sportivi si riferiscono alle edizioni non del lunedì).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.