(Darrian Traynor/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 7 Gennaio 2020

Il punto sugli incendi senza precedenti in Australia

Le cause, la situazione, le aree più colpite, i problemi e quel che si può dire su come potrebbe andare nei prossimi giorni

(Darrian Traynor/Getty Images)

Gli enormi incendi che da settimane sono in corso in diverse aree dell’Australia hanno bruciato quasi duemila case, causato la morte di 25 persone e bruciato più di 6,3 milioni di ettari di terra, un’area grande circa un quinto dell’Italia. Rispetto a inizio anno, in questi giorni la situazione è lievemente migliorata, grazie alle operazioni di contenimento delle fiamme – in certi casi alte diverse decine di metri – e soprattutto grazie alla pioggia. Ma a cominciare dal fine settimana le piogge finiranno, le temperature torneranno a salire e la situazione potrebbe diventare ancora più grave. Si teme, per esempio, che alcuni dei circa 200 incendi attivi al momento possano unirsi tra loro. Per di più, in Australia gennaio e febbraio sono i mesi estivi più caldi, in cui le temperature raggiungono i loro massimi: gli incendi potrebbero andare avanti insomma per diverse altre settimane.

David Bowman, professore di pirogeografia all’Università della Tasmania e direttore di un centro di ricerca sugli incendi, ha detto alla rivista TIME: «L’intensità, la portata, il numero, l’ampiezza geografica, la simultaneità degli incendi e la varietà di ambienti che stanno bruciando sono tutte fuori dall’ordinario. Siamo in stato di guerra». Daniel Andrews, il premier dello stato australiano di Victoria (lo stato di Melbourne), ha detto ad Associated Press: «Non ne siamo per niente usciti. I prossimi giorni, anzi i prossimi mesi, saranno una sfida».

Gli incendi
L’Australia è formata da sei stati e in ognuno c’è almeno qualche incendio di una certa importanza, ma lo stato più colpito è il Nuovo Galles del Sud: lo stato più popoloso, la cui capitale è Sydney. Nel Nuovo Galles del Sud ci sono più di cento incendi attivi, le case distrutte sono più di 1.500 e gli ettari bruciati quasi cinque milioni. Più in generale, l’area in cui la situazione è più critica è quella che si trova sulla costa sud-orientale, che oltre al Nuovo Galles del Sud riguarda anche gli stati di Victoria e dell’Australia Meridionale, in cui vive la maggior parte degli australiani.

Gli incendi di questi mesi non sono per ora i più mortali della storia australiana – nel “Black Saturday“, nel 2009 in Victoria, morirono più di 170 persone – ma secondo diversi parametri stanno avendo un impatto che nessun incendio aveva avuto negli ultimi decenni. Nel Nuovo Galles del Sud il precedente record di ettari bruciati era di 3,5 milioni, ma erano in gran parte di praterie e terreni incolti. Ora a bruciare sono soprattutto boschi ma anche campi e parti di parchi naturali, come nel caso delle Blue Mountains, non lontano da Sydney. Owen Price, professore dell’Università di Wollongong, nel Nuovo Galles del Sud, ha detto al Guardian: «Le grandi stagioni di incendi del passato bruciavano al massimo il 20 per cento dei boschi; questa volta arriveremo quasi al 50 per cento. È un nuovo record sotto ogni punto di vista».

In alcuni casi le fiamme hanno raggiunto anche centri abitati, persino nelle periferie di Melbourne e Sydney e della capitale Canberra. I luoghi abitati in cui gli incendi hanno avuto le peggiori conseguenze sono la piccola città di Balmoral, nel Nuovo Galles del Sud, e la cittadina costiera di Mallacoota, nel Victoria. A fine dicembre Balmoral è stata in gran parte distrutta e nell’ultimo giorno del 2019 circa un migliaio tra abitanti e turisti che si trovavano Mallacoota sono stati evacuati via mare dall’esercito per il concreto rischio che le fiamme – che poi hanno preso una diversa direzione – raggiungessero le loro case. Un altro luogo di cui si è parlato in relazione a questi incendi è Kangaroo Island, nota soprattutto per la varietà della sua fauna. Si trova al largo della costa dell’Australia Meridionale, è la terza più grande isola del paese e le fiamme hanno interessato quasi un terzo del suo intero territorio.

Un’immagine satellitare del 4 gennaio (NASA via AP)

I problemi
In conseguenza degli incendi la qualità dell’aria è notevolmente peggiorata in diverse aree, Sydney compresa, con possibili problemi di salute per chi la respira, e sta succedendo sempre più spesso che ci sia scarsa visibilità (a Melbourne ieri era inferiore a un chilometro), con conseguenti possibili problemi, per esempio, per il trasporto aereo. Oltre alle abitazioni distrutte e alle persone evacuate, ci sono poi i problemi per l’ecosistema, l’allevamento e l’agricoltura. I giornali parlano per esempio di gravi problemi per l’industria vinicola del sud dell’Australia e si ipotizza la perdita di oltre 100mila capi di bestiame.

Per quanto riguarda invece gli animali non da allevamento, da qualche giorno gira uno studio fatto da un esperto di biodiversità dell’Università di Sydney che parla della morte di quasi mezzo miliardo di animali. Il dato è basato su una stima degli animali-per-ettaro e non c’è modo di avere numeri effettivi. Ma è certo che gli incendi che stanno bruciano in Australia stanno avendo e avranno in futuro pesanti ripercussioni per molti animali, anche solo per il fatto che ne stanno distruggendo l’habitat. Si parla anche della possibile morte di quasi un terzo dei koala del Nuovo Galles del Sud. Per avere informazioni più dettagliate bisognerà aspettare comunque la fine degli incendi.

Sussex Inlet, nel Nuovo Galles del Sud, il 31 dicembre (Sam Mooy/Getty Images)

Le cause
La maggior parte degli incendi australiani di queste settimane è causata dal caldo (a metà dicembre era stato registrato il giorno più caldo della storia dell’Australia) dai forti venti e da un lungo periodo senza piogge (interrotto solo in questi giorni). Nello specifico, tra le cause più citate di queste particolari condizioni c’è l’Indian Ocean Dipole (anche noto come Niño indiano). Molto in sintesi, è un fenomeno che fa sì che le variazioni di temperatura tra la parte orientale e quella occidentale dell’oceano Indiano siano particolarmente pronunciate, e che tra le tante conseguenze ha generato una stagione più arida del solito in gran parte dell’Australia. A questo si sono aggiunte le particolari condizioni dei venti antartici, che hanno anch’esse favorito un clima secco in Australia, mentre il ritardo della stagione dei monsoni al nord ha permesso un aumento delle temperature nella parte centrale del paese. Si tratta, anche qui in breve, di fenomeni che hanno in vario modo a che fare con il cambiamento climatico.

Si può dire, quindi, che gli incendi siano legati a una particolare serie di condizioni naturali, in parte conseguenti al cambiamento climatico, ma ci sono stati anche alcuni casi di incendi dolosi.

Bairnsdale, Victoria, il 31 dicembre (Glen Morey via AP)

La situazione
Per provare a spegnere gli incendi sono all’opera da giorni i vigili del fuoco (alcuni dei quali arrivati dall’estero), moltissimi volontari (molti più rispetto ai vigili del fuoco di professione) e i militari (compresi circa tremila riservisti chiamati negli ultimi giorni). Sono impegnati per spegnere gli incendi (una cosa sempre molto complicata, nel caso di incendi boschivi), ma nello stesso tempo anche a rallentarne o evitarne l’avanzata. Tra le altre cose, stanno spruzzando una sostanza che serve per ritardare l’avanzata delle fiamme e, in certi casi, stanno realizzando grandi buche o barriere per far sì che gli incendi non possano avanzare. È difficile avere numeri precisi su quante persone siano all’opera nei rispettivi stati, ma CNN scrive che solo nel Nuovo Galles del Sud i vigili del fuoco all’opera sono più di duemila.

Sia il Victoria che il Nuovo Galles del Sud hanno dichiarato più volte lo stato d’emergenza negli ultimi mesi e il primo ministro australiano Scott Morrison ha finora stanziato 2 miliardi di dollari australiani (circa 1,2 miliardi di euro) per la ricostruzione. Morrison e gran parte del governo australiano (che dal 2013 è guidato dai conservatori) stanno ricevendo però moltissime critiche per non aver saputo dare in questi anni una risposta chiara sul cambiamento climatico, anche a causa del tradizionale legame del paese con l’industria mineraria e del carbone, e per aver dato l’idea di interessarsi poco degli incendi nelle passate settimane.

Al problema degli incendi si stanno interessando anche diverse celebrità: alcune di loro hanno sfruttato il palco dei Golden Globe, importanti premi statunitensi, del cinema e della televisione, e altri si sono impegnati a donare centinaia di milioni di dollari alla causa. Tra gli altri, l’attore australiano Chris Hemsworth, ha detto che donerà un milione di dollari. Per ora è stato confermato che a partire dal 14 gennaio a Melbourne si svolgeranno gli Australian Open, uno dei più importanti tornei tennistici al mondo.

Un vigile del fuoco a Sussex Inlet, nel Nuovo Galles del Sud, il 31 dicembre (Sam Mooy/Getty Images)

Il futuro
Non è possibile dire ora quando si risolverà la situazione, o anche solo quanto ci vorrà prima che rientri in qualche modo nella norma. Come detto, sono in arrivo i giorni solitamente più caldi e potrebbero volerci ancora diverse settimane.

Guardando ancora più lontano, secondo gli scienziati, pochi posti nel mondo sono esposti ai cambiamenti climatici come l’Australia, e da tempo gli esperti avvertono che gli incendi diventeranno sempre più frequenti con l’aumento delle temperature nel paese causate dal riscaldamento globale, che porta periodi di caldo più lunghi ed estremi, così come una maggiore siccità che rende il terreno e la vegetazione più secchi e adatti alla combustione.