I cinque libri consigliati da Bill Gates quest’anno

Tra cui la storia degli Stati Uniti più onesta e solida che dice di aver mai letto, e due che si trovano anche in italiano

Se avete visto il documentario che c’è su Netflix su Bill Gates, filantropo americano e fondatore di Microsoft, sapete che è un tipo che legge un bel po’: circa 150 pagine all’ora, quando è in forma. E non soltanto di romanzi o saggi divulgativi, ma anche di complicatissimi manuali accademici zeppi di tecnicismi. Ogni anno, sul suo blog, Gates consiglia un po’ di libri – scelti tra quelli più popolari, almeno per i suoi standard – motivando brevemente perché gli sono piaciuti. Ha detto che ha letto più romanzi del solito, e attualmente sta provando a finire Cloud Atlas di David Mitchell, che definisce «incredibilmente intelligente ma un po’ difficile da seguire».

Ah: nemmeno Bill Gates è mai riuscito a finire Infinite Jest. Ma dice che spera che il prossimo anno sia quello buono.

Un matrimonio americano di Tayari Jones
Lei è una scrittrice americana di 49 anni, docente universitaria e con quattro romanzi all’attivo: Un matrimonio americano è l’ultimo, uscito nel 2018, e racconta la storia di una coppia afroamericana del Sud degli Stati Uniti il cui matrimonio è stravolto quando lui viene condannato per un crimine che non ha commesso. A Gates l’ha consigliato sua figlia, e gli è piaciuto perché Jones «riesce a farti empatizzare con entrambi i protagonisti, anche dopo che uno fa una scelta difficile». Alla fine è stato «risucchiato dalla storia d’amore celestiale». In Italia è uscito per Neri Pozza.

These Truths di Jill Lepore
Lepore è una storica che insegna ad Harvard e scrive sul New Yorker. Si è occupata un po’ di tutto, da Wonder Woman al Tea Party, e nel suo ultimo libro ha fatto qualcosa di «apparentemente impossibile: coprire l’intera storia degli Stati Uniti in meno di 800 pagine», dice Gates. Ha apprezzato soprattutto l’utilizzo di punti di vista diversi, dice Gates, e il risultato è la storia degli Stati Uniti più onesta e solida che abbia mai letto. 

Growth di Vaclav Smil
Smil è uno studioso canadese di origine ceca che si occupa di scienze ambientali e sociali, e da anni è un rispettato analista sulle questioni energetiche. È molto critico sugli sforzi in atto per la transizione a forme di energie rinnovabili, e crede che la crescita economica debba fermarsi, e che l’umanità debba sostanzialmente ridurre i propri consumi. Gates dice di non essere sempre d’accordo con lui, ma che aspetta ogni suo nuovo libro come un nuovo Star Wars: e nemmeno questa volta l’ha deluso, perché «è uno dei migliori pensatori che ci siano a documentare il passato e a vedere l’insieme delle cose».

Prepared di Diane Tavenner
Lei è la fondatrice di una rete di scuole pubbliche americane tra le migliori del paese, e ha scritto un libro di istruzioni su come preparare i propri figli alla vita dopo le scuole superiori, non solo per quanto riguarda l’università ma più in generale per la vita fuori dalle scuole.

Perché dormiamo. Poteri e segreti del sonno per una vita sana e felice di Matthew Walker
Un libro «interessante e profondo» sul comportamento umano che spiega cosa vuol dire «un buon sonno», come ottenerlo e perché è importante. Gates dice che il libro lo ha convinto a cambiare le sue abitudini sul sonno, e che è particolarmente adatto a chi ha fatto il proposito di un 2020 più sano. Lo ha tradotto in Italia Espress Edizioni.