Piazza San Giovanni a Roma (Vincenzo Livieri/LaPresse)
  • Italia
  • sabato 14 dicembre 2019

Le foto delle “sardine” a Roma

Migliaia di persone hanno manifestato in piazza San Giovanni cantando "Bella ciao" ed esponendo i soliti cartelli a forma di pesce

Piazza San Giovanni a Roma (Vincenzo Livieri/LaPresse)

Oggi pomeriggio a Roma migliaia di persone hanno partecipato alla manifestazione organizzata dal movimento delle “sardine”. Il movimento è nato poche settimane fa in Emilia-Romagna per manifestare la propria opposizione alla Lega di Matteo Salvini ma negli ultimi tempi ha organizzato proteste in varie città e attirato consensi piuttosto trasversali.

Sul palco della manifestazione hanno parlato fra gli altri la presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (Anpi) Carla Nespolo e l’ex medico di Lampedusa Pietro Bartolo, oggi parlamentare europeo del Partito Democratico, e alcune attiviste della ong tedesca Sea Watch. Fra la folla, scrive Repubblica, c’erano fra gli altri lo scrittore Erri De Luca e l’ex politico Nichi Vendola. I manifestanti hanno cantato sia la canzone “Bella Ciao”, diventata nel Dopoguerra un simbolo dei partigiani, sia l’inno d’Italia.

Domenica 15 dicembre, sempre a Roma, i 150 organizzatori delle manifestazioni delle “sardine” si incontreranno per discutere la cosiddetta “fase due” delle proteste: «Ci incontriamo per fare in modo che a gennaio ci siano altre iniziative», ha spiegato Mattia Santori, il principale portavoce del movimento: «stavolta nelle periferie, sull’Appennino e nei paesi piccoli, nelle comunità più fragili maggiormente esposte alle sirene del populismo di Salvini». Da giorni ribadisce che il movimento non ha intenzione di trasformarsi in un partito né presentarsi alle elezioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.