Il 2019 su Pornhub

La solita analisi di fine anno sulle categorie, gli attori e le ricerche più popolari dell'anno sul sito porno più visitato al mondo

Pornhub, il più grande sito di video pornografici in streaming, ha pubblicato come ogni anno una raccolta di dati e analisi sul traffico del 2019, mostrando quali sono state le ricerche più popolari, le categorie preferite, le attrici e gli attori più apprezzati, e snocciolando un po’ delle solite curiosità, per esempio quali sono stati gli eventi che hanno ridotto maggiormente le visite al sito.

Numeri
Pornhub è stato visitato 42 miliardi di volte nel 2019, con 39 miliardi di ricerche e 115 milioni di visite quotidiane. I video caricati quest’anno sono stati 6,83 milioni, per un totale di 1,36 milioni di ore di contenuti: se si fosse iniziato nel 1850 a guardare i video caricati soltanto quest’anno, non si avrebbe ancora finito.

Ricerche di tendenza
La categoria di video porno che ha “definito il 2019”, secondo Pornhub, è stata Amateurs, cioè quella dei video amatoriali: secondo la sessuologa Laurie Betito, sembra che le persone «stiano cercando una rappresentazione del sesso più realistica» e che ci siano molti più attori e attrici improvvisati di un tempo. Pornhub ha confermato questa tendenza, attribuendo la popolarità della categoria al grande numero di attori amatoriali verificati sul sito, cioè attori non professionisti che hanno aderito a un programma speciale di Pornhub per guadagnare con i video che caricano.

Al secondo posto delle ricerche c’è “Alien”, per via di uno dei più popolari meme dell’anno, cioè l’intrusione organizzata per scherzo – e poi sfuggita clamorosamente di mano – all’Area 51, al cui evento su Facebook hanno aderito milioni di persone. “POV”, cioè i video girati in prima persona, sono al terzo posto, probabilmente a causa della diffusione dei set per la realtà virtuale, dice Pornhub. Altre cose che potreste non sapere: Belle Delphine è una celebrità di Instagram che aveva annunciato dei video porno, poi rivelatisi degli scherzi. “Cosplay” sono gli attori vestiti da personaggi dei fumetti o del cinema. “Apex Legends” è un popolare videogioco, rivale di Fortnite. “ASMR” sta per “Autonomous sensory median response”, e indica i video con rumori lievi e rilassanti. “Femdom” è la pratica sessuale in cui la donna sottomette l’uomo.

Termini e categorie più cercati

La classifica sopra indicava le ricerche maggiormente in crescita, mentre queste sono quelle generali delle ricerche e delle categorie del 2019: è cresciuta tanto “Japanese”, salita di quattro posizioni nelle ricerche, secondo Pornhub per via di un generale aumento degli accessi in Giappone. Continuano ad andare forte, sia nelle ricerche che nelle categorie, gli “hentai”, cioè gli anime giapponesi porno. Il grafico delle categorie mostra anche il balzo in avanti dei video amatoriali.

Pornostar

La pornostar più cercata in assoluto è stata l’attrice 23enne Lana Rhoades, salita di tre posizioni. Al secondo posto c’è sempre Mia Khalifa, cioè un’attrice che fece video porno soltanto tra l’ottobre del 2014 e il gennaio del 2015, ma che continua a essere popolarissima. L’anno scorso l’attrice più cercata era stata Stormy Daniels, cioè quella che accusò il presidente statunitense Donald Trump di averla pagata per non rivelare una loro relazione. Quest’anno è sparita dalle prime posizioni.

L’attore maschio più cercato è invece Jordi El Nino Polla, 25 anni e di nazionalità spagnola. Il numero affianco ai nomi indica in che posizione sono nella classifica che include anche le attrici: sono molto meno cercati. L’italiano Rocco Siffredi è al settimo posto.

Donne

Gli attori e le attrici più cercati dalle sole utenti donne sono più o meno gli stessi delle prime posizioni delle classifiche generali, seppure con piazzamenti diversi. Nella classifica delle ricerche molto più popolari che tra gli uomini, ci sono invece comprensibilmente soltanto attori maschi. Su dieci, quattro girano video porno gay: secondo Pornhub il 37 per cento delle persone che guardano video porno gay maschili sono donne.

Le donne che visitano Pornhub sono cresciute del 3 per cento tra il 2018 e il 2019: seppure siano ancora meno degli uomini, in certi paesi arrivano quasi al 40 per cento del totale degli utenti. In Italia le utenti donna sono circa un terzo del totale, in linea con la media mondiale.

La categoria “Lesbian” è la più popolare tra le donne, che in generale preferiscono più o meno le stesse categorie degli uomini. “Big dick”, cioè “pene grande” (più o meno) sostituisce “Big Tits”, cioè “seno grande” (sempre più o meno) tra le 12 categorie preferite. Tra le categorie che sono molto più cercate tra le donne rispetto agli uomini c’è quella del cunnilingus, della masturbazione maschile, di quella femminile e, tra le altre, “uomini muscolosi” e “romantico”. Sono molto più cercati anche i video di “threesome”, cioè sesso a tre, e di “gangbang”, cioè che mostrano un uomo o una donna fare sesso con molti partner di sesso opposto.

Gay

Considerando soltanto le pagine di porno gay, la categoria più cercata è stata “korean”, seguita da “japanese”, “black” e “daddy”. Tra le ricerche di maggiore tendenza c’è “Camp Buddy”, cioè un anime giapponese omoerotico. Al primo posto tra le categorie c’è quella dei “ragazzi etero”.

Geografia, orari, età

Gli Stati Uniti rimangono il paese che usa di più Pornhub, seguito dal Giappone che è salito di due posizioni, superando il Regno Unito. L’Italia è passata dall’ottava alla settima posizione. In India hanno guardato molti meno porno rispetto allo scorso anno: nell’ottobre del 2018, il governo di Narendra Modhi ordinò di bloccare 827 siti porno, dopo che un gruppo di uomini accusati di stupro disse di avere agito dopo aver visto un video pornografico. Pornhub, che era tra i siti bloccati, fece subito un sito alternativo: in generale, aggirare il divieto è stato comunque piuttosto facile per gli indiani.

Si guardano video porno soprattutto la sera, e nel pomeriggio. Le cinque di mattina sono il momento in cui se ne guardano meno. La domenica sera è in assoluto il momento di maggiore traffico per Pornhub, mentre il venerdì è il giorno con meno visite.

La fascia di età che usa maggiormente Pornhub è quella tra i 25 e i 34 anni, seguita da quella tra i 18 e i 24 (ma sull’età mancano i dati dei minorenni, che per accedere ai siti porno devono dichiarare di essere maggiorenni e quindi non vengono conteggiati).

Italia

La categoria “italian” in Italia è cercata l’800 per cento in più rispetto al resto del mondo. Vanno forte anche i piedi. Tra le pornostar, le prime due più cercate sono italiane: Rocco Siffredi e Valentina Nappi.

Dispositivi

Oltre il 76 per cento del traffico di Pornhub arriva da smartphone, in crescita del 7 per cento rispetto all’anno scorso. Le visite da desktop e da tablet scendono.

Eventi che hanno portato via traffico

Tra quelli sportivi, la finale dei Mondiali di calcio femminili ha fatto calare sensibilmente le visite negli Stati Uniti e nei Paesi Bassi, i due paesi finalisti. A Liverpool durante la finale di Champions League il traffico è sceso del 18 per cento.

 

Per quanto riguarda le feste, in Italia il giorno che c’è stato meno movimento su Pornhub è stato Ferragosto, seguito dalla festa della Repubblica.

Personaggi famosi

Al primo posto c’è Belle Delphine, di cui abbiamo detto prima, cercata oltre 30 milioni di volte. Le ricerche per Kim Kardashian sono aumentate del 2186 per cento nel giorno del suo compleanno, il 21 ottobre (di Kim Kardashian è disponibile online un ormai celebre sex tape, a differenza della maggior parte delle altre persone della lista).

Tra i personaggi di finzione, vanno forte i supereroi Marvel e DC, a cui si sono aggiunti quest’anno Gli Incredibili della Pixar. Tra le prime posizioni ci sono sempre i Griffin, i SimpsonStar Wars.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.