La cantante Rihanna – British Fashion Awards, Londra, 2 dicembre (EPA/WILL OLIVER/ansa)
  • Moda
  • martedì 3 dicembre 2019

Bottega Veneta è l’azienda dell’anno secondo la moda britannica

Il British Fashion Council ha consegnato i premi per i migliori stilisti, modelle e marchi dell'anno: c'erano anche Rihanna e Adut Akec

La cantante Rihanna – British Fashion Awards, Londra, 2 dicembre (EPA/WILL OLIVER/ansa)

Bottega Veneta, azienda italiana controllata dal gruppo francese Kering, è stata premiata come marchio di moda dell’anno dal British Fashion Council, l’associazione che promuove la moda britannica, nella tradizionale serata di gala che si è svolta lunedì sera alla Royal Albert Hall di Londra. Alla cerimonia hanno partecipato modelle, stilisti, giornalisti, musicisti come la rapper Little Simz ed Eric Clapton, e personaggi famosi come Emilia Clarke, Rihanna, Julia Roberts e Cate Blanchett.

Bottega Veneta è stata protagonista della serata grazie agli altri premi vinti dal suo nuovo direttore creativo, lo stilista Daniel Lee, 33enne inglese arrivato nel luglio del 2018 dopo aver lavorato da Maison Margiela, Balenciaga, Donna Karan ed essere stato direttore del design per il ready-to-wear (cioè i vestiti già confezionati che si trovano nei negozi e non quelli fatti su misura dell’alta moda) da Céline. Lee è stato scelto anche come stilista dell’anno, miglior stilista di gioielli e miglior stilista britannico per la moda femminile, mentre il premio per la moda britannica maschile è andato a Kim Jones, direttore creativo di Dior. Tra gli altri premiati ci sono Adut Akec, come migliore modella, Naomi Campbell come icona di moda, Remo Ruffini, presidente e amministratore delegato di Moncler, come miglior business leader (anche grazie all’innovativo progetto Genius) e Giorgio Armani con il premio alla carriera.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.