(Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 24 Novembre 2019

Michael Bloomberg si è candidato alle primarie dei Democratici

Se ne parlava da mesi ed era ormai quasi sicuro: sarà di gran lunga il candidato più ricco

(Getty Images)

Michael Bloomberg, imprenditore miliardario ed ex sindaco di New York, ha annunciato domenica la sua candidatura alle primarie dei Democratici per scegliere lo sfidante di Donald Trump alle presidenziali del 2020.

La candidatura di Bloomberg era considerata molto probabile da diverso tempo ed era quasi certa da venerdì, quando si è saputo che aveva comprato spazi pubblicitari televisivi per la prossima settimana per 30 milioni di euro.

Bloomberg, che oggi ha 77 anni, è stato un popolare sindaco di New York dal 2002 al 2013. Aveva iniziato il suo mandato da Repubblicano, ma nel 2007 aveva lasciato il partito e nel 2018 si era registrato come Democratico, contribuendo fra l’altro con decine di milioni di dollari alle campagne di alcuni candidati del partito alle elezioni di metà mandato. Negli ultimi anni si è molto dedicato ad attività filantropiche legate soprattutto alla lotta al riscaldamento globale e al contrasto della diffusione delle armi da fuoco, investendo centinaia di milioni di dollari nel sostegno a queste cause e ai candidati Democratici al Congresso.

In un breve messaggio diffuso domenica, Bloomberg ha detto di essersi candidato per sconfiggere Trump perché «non possiamo permetterci altri quattro anni di decisioni sconsiderate e immorali», aggiungendo che Trump «rappresenta una minaccia esistenziale al nostro paese e ai nostri valori. Se fosse confermato per altri quattro anni, potremmo non riprenderci mai più dai danni che potrebbe fare». Bloomberg si aggiungerà ai 17 altri candidati alle primarie e si presenterà come un candidato moderato.

La prospettiva della sua candidatura aveva fatto già molto discutere, perché Bloomberg è uno dei 10 uomini più ricchi degli Stati Uniti – è molto più ricco del presidente Donald Trump, per fare un esempio – e in molti temono che con la sua capacità di spesa possa distorcere il dibattito in vista delle primarie, che inizieranno il prossimo gennaio.