• Auto
  • venerdì 22 novembre 2019

Tesla ha presentato un pick-up, ma c’è stato un guaio

È elettrico e costruito con materiali molto resistenti, ma la prova dei vetri durante la presentazione non è andata molto bene

Nella notte Tesla ha presentato un nuovo modello di automobile elettrica chiamato Cybertruck, un pick-up concepito per essere estremamente resistente e con un’autonomia superiore a quella che di norma hanno i veicoli elettrici. Il telaio dell’auto è fatto con un particolare tipo di acciaio inossidabile, che dovrebbe essere 30 volte più resistente del normale, mentre i vetri sono realizzati con un materiale chiamato Armor Glass, che non si dovrebbe infrangere in caso di impatto con oggetti esterni. Durante la presentazione del Cybertruck, Elon Musk, CEO di Tesla, ha chiesto a un collaboratore di salire sul palco e dimostrare la resistenza della scocca della macchina prendendola a martellate. Ha anche mostrato alcune immagini dell’auto colpita con proiettili di calibro .9 millimetri e rimasta integra.

C’è stato però un imbarazzante fallimento al momento del test della resistenza dei vetri: Musk ha chiesto al suo collaboratore di lanciare un oggetto metallico della grandezza di una pallina da baseball contro i finestrini, ma invece di resistere all’impatto i vetri si sono frantumati. Dopo il lancio Musk ha sorriso e ha detto «forse questo è stato troppo forte», e così è stato fatto un secondo lancio contro un altro vetro, e anche questo si è frantumato. «C’è ancora spazio per fare miglioramenti», ha detto Musk subito dopo.

Il Cybertruck dovrebbe essere messo in commercio per la fine del 2021 negli Stati Uniti, e arriverà in tre versioni: quella base a 39.900 dollari (36mila euro), una con un doppio motore elettrico a 49.900 dollari (45mila euro), e una con tre motori a 69.900 dollari (63mila euro). La prima variante ha un’autonomia di 400 km, la seconda di 480 km, e la terza di 800 km. La macchina avrà 6 posti, sospensioni ad aria in grado di adattarsi al carico e tra gli optional ci sarà la guida con pilota automatico, a un costo extra di 7mila dollari (6.700 euro). La macchina si può prenotare già ora con un deposito di 100 dollari o di 100 euro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.