• Mondo
  • mercoledì 20 novembre 2019

Il principe Andrew del Regno Unito ha fatto sapere che non parteciperà più a impegni pubblici per conto della famiglia reale

Il principe Andrew del Regno Unito ha fatto sapere che non parteciperà più a impegni pubblici per conto della famiglia reale per via del caso nato dalla sua amicizia con Jeffrey Epstein, il controverso finanziere accusato di traffico sessuale morto in carcere ad agosto. Il corrispondente di BBC per la famiglia reale, Jonny Dymond, ha detto che la decisione di Andrew «non ha precedenti» nella storia recente della famiglia reale.

Sabato scorso il principe Andrew aveva parlato pubblicamente per la prima volta della sua amicizia con Epstein, difendendosi anche dalle accuse di avere violentato una ragazza minorenne amica del finanziere (che secondo le accuse ha gestito per anni un traffico sessuale di ragazze giovanissime). Nei giorni successivi all’intervista Andrew è stato accusato di avere dimostrato scarsa sensibilità ed empatia nei confronti delle accusatrici di Epstein.

Nel comunicato con cui ha annunciato la sua decisione ha spiegato che il caso ha generato «un enorme disturbo» per la famiglia reale e aggiunto provare «compassione» per «tutte le persone coinvolte nel caso» delle violenze di Epstein.

Andrew ha 59 anni ed è il terzo figlio della regina Elisabetta e di suo marito Philip. In passato era già stato coinvolto in controversie pubbliche per la sua amicizia con il presidente autoritario dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, e per le accuse di avere usato un linguaggio razzista durante conversazioni private.

(Duncan McGlynn/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.