• Italia
  • martedì 19 novembre 2019

La procura di Agrigento ha iscritto Matteo Salvini nel registro degli indagati per il caso della nave Open Arms di agosto

La procura di Agrigento ha iscritto l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini nel registro degli indagati per il caso della nave Open Arms dello scorso agosto, con l’accusa di sequestro di persona e omissione d’atti d’ufficio, come era stato nel caso Diciotti.

L’indagine riguarda la vicenda dei 151 migranti che l’11 agosto erano stati soccorsi dalla nave della ong spagnola Open Arms: per più di due settimane, durante la crisi di governo, la maggior parte di loro era dovuta rimanere a bordo della nave, nonostante condizioni medico-sanitarie precarie, perché il governo italiano aveva vietato a Open Arms l’ingresso nelle acque italiane sulla base del cosiddetto decreto sicurezza bis. Il TAR del Lazio aveva poi sospeso il divieto ma c’era voluta un’altra settimana, dopo la sentenza, perché i migranti potessero sbarcare.

Ora il procuratore capo di Palermo avrà dieci giorni per valutare le ipotesi di reato: se le confermerà, saranno quindi sottoposte al tribunale dei ministri. Nel caso Diciotti il tribunale dei ministri di Catania aveva accusato Salvini di sequestro di persona aggravato ma poi il Senato aveva respinto l’autorizzazione a procedere nei confronti dell’allora ministro. Per il caso Open Arms, come prove a carico di Salvini  ci sono l’esito dell’ispezione condotta il 20 agosto dal procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, che poi autorizzò lo sbarco, il decreto del TAR e l’email con cui il comando della Guardia costiera comunicò al ministero dell’Interno il suo «nullaosta allo sbarco».

La nave Open Arms nel porto di Lampedusa durante lo sbarco dei migranti a bordo, il 20 agosto 2019 (ANSA/ELIO DESIDERIO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.