La nave Open Arms nel porto di Lampedusa durante lo sbarco dei migranti a bordo, il 20 agosto 2019 (ANSA/ELIO DESIDERIO)
  • Italia
  • mercoledì 21 agosto 2019

I migranti sulla Open Arms sono sbarcati a Lampedusa

La procura di Agrigento ha disposto il sequestro e l'evacuazione della nave, dopo 19 giorni con decine di persone a bordo

La nave Open Arms nel porto di Lampedusa durante lo sbarco dei migranti a bordo, il 20 agosto 2019 (ANSA/ELIO DESIDERIO)

Gli 83 migranti che si trovavano ancora a bordo della nave Open Arms dell’omonima ong spagnola sono sbarcati martedì sera a Lampedusa. Ieri la procura di Agrigento aveva disposto il sequestro della nave e l’evacuazione immediata delle persone a bordo, autorizzando quindi lo sbarco: Open Arms era ferma da una settimana in attesa di ricevere l’autorizzazione a entrare nel porto e i migranti a bordo si trovavano in una situazione sempre più precaria, tra attacchi di panico e tentativi di raggiungere la terra a nuoto.

A decidere lo sbarco dei migranti sull’Open Arms è stato il procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio, dopo aver visitato la nave e aver incontrato la Capitaneria di Porto. La procura aveva già aperto un’indagine contro ignoti per sequestro di persona, a cui si è aggiunta un’indagine per omissione e rifiuto di atti d’ufficio. Il governo italiano – nella persona del ministro dell’Interno Matteo Salvini – aveva bloccato l’ingresso della nave in Italia in base al “decreto sicurezza bis”, ma una sentenza del TAR del Lazio gli aveva dato torto. La Open Arms era quindi potuta entrare in acque territoriali italiane, ma lo sbarco non era avvenuto a causa delle pressioni di Salvini sulla Guardia costiera e la Capitaneria di Porto di Lampedusa.

Lo sbarco ha vanificato l’iniziativa della Spagna di mandare una nave militare a Lampedusa per soccorrere i migranti e portarli sull’isola di Maiorca. La nave, partita ieri da Cadice, ci avrebbe messo tre giorni ad arrivare in Italia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.