• Mondo
  • martedì 15 ottobre 2019

Anche il Regno Unito sospenderà la vendita di armi alla Turchia

Il Regno Unito ha deciso di sospendere le vendite di armi alla Turchia a causa dell’operazione militare in corso nel nordest della Siria contro i curdi siriani, cosa già fatta da altri paesi europei, tra cui l’Italia. Lo ha detto il ministro degli Esteri Dominic Raab, che ha anche definito pericolosa e controproducente l’iniziativa turca. Come spiega il Guardian, dal 2014 il Regno Unito aveva fornito alla Turchia armi per il corrispettivo di 1,1 miliardi di sterline, pari a circa 1,2 miliardi di euro. Raab ha anche parlato della possibilità che il Regno Unito introduca sanzioni economiche nei confronti della Turchia.

L’offensiva militare turca avviata dal governo di Recep Tayyip Erdoğan contro i curdi siriani è stata condannata dall’Unione Europea.

Serve a qualcosa non vendere armi alla Turchia?

Un carro armato turco sulla strada per la Siria a Akcakale, in Turchia. (Burak Kara/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.