• Mondo
  • mercoledì 25 settembre 2019

In Israele il primo ministro uscente, Benjamin Netanyahu, ha ricevuto l’incarico di formare un nuovo governo

Mercoledì il presidente israeliano Reuven Rivlin ha affidato l’incarico di formare un nuovo governo al primo ministro uscente, il conservatore Benjamin Netanyahu. La decisione di Rivlin è stata annunciata dopo il fallimento dei negoziati tra Netanyahu e Benny Gantz, leader del partito centrista Blu e Bianco, sulla formazione di un governo di unità nazionale. Rivlin ha detto di avere dato l’incarico a Netanyahu perché ritiene che il leader del partito Likud abbia più possibilità di trovare una maggioranza, nonostante alle ultime elezioni abbia ottenuto 32 seggi, uno in meno dei 33 ottenuti da Gantz. Netanyahu ha ora sei settimane di tempo per trovare una maggioranza che appoggi il suo governo.

Le elezioni legislative in Israele si sono tenute martedì 17 settembre: sono state le seconde nel 2019 e le quarte negli ultimi sei anni.

Benjamin Netanyahu (Amir Levy/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.